Mer 24 Aprile 2019 — 12:57

Borsa: Milano chiude positiva. Bene Tim e Carige, giù Mps



Seduta interlocutoria dominata dall’attesa per il G20, bilancio della settimana positivo

La Borsa di Milano chiude oggi positiva una seduta priva di spunti importanti, se non l’attesa per il G20 del fine settimana dove il piatto forte sarà l’incontro tra il presidente Usa Donald Trump e il suo omologo cinese Xi Jinping: sul tavolo a Buenos Aires un possibile “armistizio” nella guerra commerciale che vede contrapposte le due maggiori economie mondiali.

Stabile lo spread, mentre si attende ancora una svolta nel rinnovato dialogo tra governo e Ue sui numeri della manovra. Sul fronte macro, da segnalare che l’Istat ha rivisto il dato sul Pil italiano del terzo trimestre a -0,1% dalla precedente lettura piatta.

A Piazza Affari il Ftse Mib segna in chiusura +0,15% a 19.188 punti, comunque il migliore fra i principali indici europei in una giornata contrastata nel Vecchio Continente. Il bilancio dell’ottava è un +2,53%, grazie soprattutto al buon avvio di settimana.

L’euro cede terreno riavvicinandosi a quota 1,13 contro il dollaro; negativo il petrolio con il Brent a 58 dollari e il Wti a 50 dollari al barile.

Lo spread Btp/Bund segna quota 290 da 288 punti base della chiusura precedente, con il rendimento del decennale italiano al 3,21% da 3,20% (dati Bloomberg).

Tornando agli indici di Borsa, maglia rosa oggi a Tim +1,8% assieme a una pattuglia di azioni fra cui Cnh, Unipol, Recordati allineate a +1,7% .

Continua il recupero di Ferrari +0,5% dopo il rally di ieri, mentre Fca e Brembo cedono circa 1 punto percentuale in un settore automotive europeo debole, Pirelli -0,6% nonostante un report positivo di Hsbc.

Fra le banche svetta Carige +5,3% dopo il via libera del Fondo interbancario alla sottoscrizione del bond, per cui si sarebbe fatto avanti però anche il fondo Attestor.

Realizzi su Banco Bpm -1,6% con la partita su 8 miliardi di Npl ai tempi supplementari, mentre Unicredit -1,1% ha ceduto due portafogli per oltre 1 miliardo complessivo nelle ultime ore. Fra le altre: Ubi +0,1%, bene Bper +1,5% e Intesa Sanpaolo +0,8%, mentre Mps finisce nel mirino dei realizzi con un -3,6%.

Sul listino principale vendite su Moncler -2,5% peggiore del Ftse Mib.

Fra i petroliferi cerca lo spunto Eni +0,2% sopra la parità con gli analisti che confermano il buy sul titolo, così come Saipem +0,4% mentre resta indietro Tenaris -1,9%.

Eni news 24-04-2019 — 10:53

Eni, primo trimestre previsto in crescita

Il gruppo dovrebbe chiudere i primi tre mesi dell’anno con un utile operativo adjusted di 2,53 miliardi dai 2,38 miliardi del primo trimestre 2018, con il contributo decisivo come sempre dell’esplorazione & produzione

continua la lettura