Finanzareport.it | Unicredit, dividendo 2024: valore finale e date - Finanza Report

Mer 24 Aprile 2024 — 14:38

Unicredit, dividendo 2024: valore finale e date



La banca ha concluso la prima tranche del buyback 2023 e ridefinito la cedola

unicredit raccomandazioni

Unicredit ha concluso la prima tranche del buyback 2023 e ha comunicato il valore finale del dividendo per azione 2024 con riferimento all’esercizio 2023.

Chiusa prima tranche buyback

La banca ha concluso il programma di acquisto di azioni ordinarie avviato il 30 ottobre scorso, in attuazione dell’autorizzazione conferita dall’assemblea degli azionisti del 27 ottobre. Sulla base delle informazioni fornite da Goldman Sachs International, come intermediario incaricato per dare esecuzione alla prima tranche del programma di Buy-Back 2023, Unicredit ha acquistato un totale di 95.995.258 azioni per un controvalore complessivo pari a circa 2,5 miliardi di euro.

A seguito dell’annullamento delle azioni proprie avvenuto il 16 gennaio, l’istituto detiene 37.815.422 azioni proprie pari al 2,20% del capitale sociale, che si prevede di annullare come stabilito dall’assemblea degli azionisti.

Dividendo Unicredit 2024

A seguito del completamento della prima tranche del buyback, spiega Unicredit, il valore finale del dividendo 2024 con riferimento all’esercizio 2023 e che verrà pagato nel corso del corrente esercizio risulta pari a Euro 1,8029 per ciascuna azione avente diritto al pagamento del dividendo. L’ammontare complessivo dei dividendi che saranno proposti all’assemblea è pari a 3.014.750.000 euro.

Il suddetto dividendo per azione (Dps) aggiorna il dato provvisorio di 1,7950 euro anticipato al mercato lo scorso 29 febbraio 2024. Per quanto riguarda il calendario della distribuzione, data di stacco della cedola il 22 aprile 2024, record date il 23 aprile 2024 e data di pagamento il 24 aprile 2024.

Borsa italiana oggi 24-04-2024 — 08:45

Borsa italiana oggi: Stm, Eni, Recordati, Sanlorenzo

DIRETTA NEWS / Spunti da trimestrali, M&A e indicazioni analisti

continua la lettura
Telegram Finanza Report