Gio 02 Aprile 2020 — 01:51

Borsa, Milano tira il fiato: bene Bper, deboli Moncler e Telecom



Si allarga lo spread, banche contrastate. In calo il petrolio

borsa milano

(Articolo aggiornato dopo la chiusura di Borsa) – Piazza Affari consolida dopo il rally delle recenti sedute, con il +2,6% della scorsa settimana che ha portato il bilancio da inizio anno a oltre +28%. Sulla Borsa di Milano il Ftse Mib segna in chiusura -0,19% a 23.489 punti, con il resto d’Europa debole e in ordine sparso, mentre a Wall Street prevalgono i realizzi.

Sull’obbligazionario, lo spread Btp/Bund a 10 anni segna 151 punti da 145 punti base della chiusura precedente, con il rendimento del titolo italiano all’1,26%.

Sul forex, l’euro scambia sopra quota 1,10 contro il dollaro; il petrolio cede marginalmente terreno con il Brent a 62 dollari e il Wti a 57 dollari al barile.

Borsa Milano: in luce Azimut e Bper, giù Tim e Moncler

Tornando alla Borsa italiana, sul Ftse Mib bene oggi Bper +1,7%, che in un comparto bancario contrastato beneficia anche della conferma del buy da parte di Hsbc, che alza leggermente il prezzo obiettivo da 4,40 a 4,85 euro.

Sempre Hsbc alza il target price di Unicredit da 14,50 a 14,80 euro confermando la raccomandazione buy: le azioni consolidano però a -0,9%. In rosso Ubi banca -1,8% ancora in scia ai conti deludenti della scorsa settimana,
bene Mps +0,3%, Intesa Sanpaolo +0,6%.

In luce tra i finanziari Azimut +1,9%, maglia rosa del listino principale, Poste +1,2%.

Realizzi su Telecom (Tim) -1,45% mentre emergono perplessità dei fondi sull’operazione Tim-Open Fiber, oltre alla cautela della Cdp sul medesimo dossier e su quello relativo ai data center.

Moncler -1,2% sconta i nuovi disordini a Hong Kong.

Positiva Juventus +0,7% dopo i conti luci e ombre del primo trimestre 2019/2020.

Nell’auto consolida Fca -0,85%, giù le azioni Ferrari -0,6%.

unipol mediobanca 01-04-2020 — 02:47

Sorprese Consob: Unipol in Mediobanca e la Cina su Eni

Le partecipazioni emergono in virtù delle nuove soglie fissate all’1% (dal 3%) per le società a maggior capitalizzazione e al 3% (dal 5%) per quelle minori

continua la lettura