Mer 20 Novembre 2019 — 06:18

Ubi Banca, la trimestrale delude le attese degli analisti



Solo le commissioni superano le aspettative. Intanto migliorano qualità degli attivi e requisiti patrimoniali

Ubi trimestrale

Azioni Ubi Banca in ribasso a Piazza Affari dopo una trimestrale in cui i numeri hanno deluso le attese degli analisti. Ubi ha chiuso il terzo trimestre 2019 con un utile netto contabile di 60,1 milioni di euro dagli 1,6 milioni dello stesso periodo del 2018, mentre al netto delle poste non ricorrenti il dato segna comunque 60,1 milioni da 38,5 milioni di un anno prima.

Per Ubi Banca la trimestrale rivela poi ricavi “core” poco mossi a 829,4 milioni (-0,46%).

Il margine d’interesse ha totalizzato 426,9 milioni, le commissioni si sono attestate a 402,6 milioni, in flessione del 2,3% rispetto al trimestre precedente ma in salita del 5,8% rispetto al terzo trimestre 2018.

Il consensus degli analisti raccolto dalla stessa Ubi indicava nel terzo trimestre ricavi per 865 milioni, con margine d’interesse a 433 milioni e commissioni a 396 milioni, un utile netto di 65 milioni. Solo le commissioni pertanto, seppure di poco, battono le attese.

Ubi nel comunicato sui conti sottolinea però come la banca risulti “più solida in tutte le componenti del proprio bilancio”.

In particolare, vengono ridotti i crediti deteriorati lordi (-2,2 miliardi vs settembre 2018 e -1,4 miliardi vs dicembre 2018, principalmente tramite gestione interna), e contemporaneamente il Cet1 ratio è salito al 12,09% (senza includere Dta future né azioni di ottimizzazione) dall’11,42% nel settembre 2018 e dall’11,34% a dicembre 2018.

“L’andamento del margine d’interesse è stato difeso e compensato dalla forte evoluzione delle commissioni nette, trainate dalla raccolta indiretta; i costi confermano la costante discesa”.

Sul titolo in Borsa prevalgono le prese di beneficio: alle ore 14,36 Ubi segna -3,88% a 2,7788 euro.

ubi massiah 19-11-2019 — 11:08

Massiah (Ubi): non tutte le fusioni sono di successo

La banca al centro del dossier M&A assieme a Banco Bpm, Bper e Mps, ma l’ad preferisce restare cauto. Il nuovo piano nel primo trimestre

continua la lettura