Finanzareport.it | Borsa italiana (diretta news): focus su Mps, downgrade per Banco Bpm - Finanza Report

Mar 18 Giugno 2024 — 17:26

Borsa italiana (diretta news): focus su Mps, downgrade per Banco Bpm



Questa sera le minute della Fed

borsa italiana oggi

Nuova seduta di consolidamento per l’azionario mondiale dopo il rally delle scorse settimane innescato dalle speranze di una svolta accomodante da parte delle banche centrali. Inoltre si attendono le minute della Fed che saranno diffuse questa sera. In Borsa italiana oggi il focus è sulle banche. (Scorrere verso il basso per vedere tutti gli aggiornamenti della diretta news).

Ore 17:30 – Ftse Mib finale -1,31% a 29.153 punti

Tempo di realizzi dopo il rally travolgente delle scorse settimane. Cautela in vista anche dei verbali della Fed che saranno diffusi in serata. Da parte sua la presidente della Bce Christine Lagarde, intervenuta oggi a Berlino, ha invitato a “non affrettare conclusioni” su potenziali tagli dei tassi.

Ore 15:20 – Milano peggiore d’Europa

Le perdite sul listino principale sfiorano il punto percentuale, a causa delle vendite sulle banche che colpiscono principalmente Mps (-7,6%) dopo la manovra del Tesoro e Banco Bpm (-3%) dopo il downgrade targato Deutsche Bank.

Giù inoltre Telecom (Tim) su cui pesano i problemi di debito di Open Fiber, futuro partner della rete, che secondo indiscrezioni di stampa avrebbe chiesto altri 2 miliardi alle banche.

fascia dimagrante

Fra i pochi titoli in verde, da segnalare Banca Mediolanum e Nexi sopra la parità, così come Terna e Campari in chiave difensiva.

Wall Street stando alle indicazioni dei future si appresta a un’apertura negativa.

Ore 12:30 – Prese di profitto

Il Ftse Mib segna -0,85% a 29.291 punti. Piazza Affari tira il fiato dopo la galoppata delle ultime settimane. Nel mirino soprattutto le banche, fra cui Mps (-7%) che tratta sotto il prezzo del collocamento accelerato, snobbando le voci su una fusione più vicina per Siena.

Ore 11 – Borse deboli, attesa per minute Fed

Piazza Affari cede oltre mezzo punto percentuale, in linea per lo più con il resto d’Europa (solo Francoforte è leggermente positiva) mentre i future di Wall Street trattano sotto la parità.

Sull’obbligazionario, lo spread cala leggermente a 171 punti.

Cresce l’attesa per i verbali del Fomc del primo novembre. “In quell’occasione – secondo Unicredit Research – il Comitato ha mantenuto i tassi fermi, come da attese, ma la comunicazione è stata sorprendentemente morbida (o comunque meno falco del previsto). In effetti, il presidente Powell è sembrato scontare il ‘dot plot’ di settembre (che indicava un ulteriore rialzo dei tassi quest’anno), affermando che l’efficacia delle previsioni si riduce tra una riunione e l’altra. Ha inoltre affermato che i rischi (di fare troppo poco sui tassi o di fare troppo) stanno diventando più ‘equilibrati’. Questo nonostante i forti dati economici alla vigilia della riunione”. Pertanto le minute potrebbero rilevare se questo cambio di tono è stato guidato dall’inasprimento delle condizioni finanziarie, dai progressi in materia di disinflazione o dall’evidenza di un rallentamento dell’economia.

Ore 9:10 – Ftse Mib -0,16% a 29.495 punti

A Piazza Affari Mps segna -5% dopo la vendita del 25% da parte del Mef a sconto del 4,9%, muovendosi peraltro in linea con la valutazione data dal mercato.

Banco Bpm in calo di oltre un punto percentuale dopo che gli analisti di Deutsche Bank hanno tagliato il rating sul titolo dell’istituto di Piazza Meda da buy a hold, e hanno alzato il prezzo obiettivo da 5,40 a 6,10 euro.

Fra i migliori Amplifon che non risente del taglio delle stime da parte della rivale elvetica Sonova, e guadagna circa mezzo punto percentuale, così come Erg e Stm.

Fuori dal listino principale, da segnalare che Ubs ha tagliato il giudizio su Tod’s (-0,8%) da buy a neutral e il target da 50 a 35 euro.

Borsa italiana oggi: le azioni in primo piano

Sulla Borsa di Milano, Mps sotto i riflettori dopo la vendita del 25% da parte del Tesoro, che ha annunciato e concluso nella serata di ieri un accelerated bookbuilding, a sconto del 4,9%, incassando 920 milioni. Fra i compratori, secondo indiscrezioni di stampa, alcuni investitori esteri per quote di circa l’1-1,5% a testa, come BlackRock, Vanguard, State Street, Fidelity, Legal & General, Wellington, Amundi (Crédit Agricole). Altri rumors di stampa affermano che il prossimo obiettivo del socio pubblico sarebbe la creazione di un terzo polo bancario tramite un’aggregazione con Banco Bpm.

Intanto fra le odierne raccomandazioni di Borsa, gli analisti di Deutsche Bank hanno tagliato il rating su Banco Bpm da buy a hold e hanno alzato il target price sul titolo da 5,40 a 6,10 euro.

Da seguire inoltre Amplifon dopo il profit warning lanciato dalla rivale Sonova. L’azienda svizzera di apparecchi acustici dopo i conti del primo semestre 2023/24 ha infatti tagliato le previsioni sull’utile operativo per l’intero anno fiscale, citando i maggiori investimenti necessari per mantenere il livello dei ricavi.

Stellantis e CATL, gruppo cinese leader nella produzione di batterie, hanno annunciato oggi la firma di un Memorandum d’intesa non vincolante per la fornitura a livello locale di celle e moduli batterie LFP per l’alimentazione dei veicoli elettrici Stellantis prodotti in Europa. A ulteriore supporto dell’ambiziosa strategia di elettrificazione di Stellantis, spiega una nota, le due aziende stanno valutando la possibilità di creare una joint venture con partecipazioni equivalenti. Intanto le immatricolazioni europee del gruppo sono cresciute a novembre del 10,8% contro il + 14,1% del mercato. La quota di mercato è scesa al 17,4% dal 17,9% di un anno fa.

Preapertura

L’apertura delle Borse europee è attesa oggi poco mossa, all’indomani di una seduta in ordine sparso che ha visto Piazza Affari chiudere sopra la parità (Ftse Mib +0,15% a 29.541 punti). La Borsa italiana ha così confermato l’intonazione positiva dopo il +3,5% messo a segno nella scorsa ottava.

Il rally delle ultime settimane è stato trainato dalle aspettative su una svolta accomodante da parte delle banche centrali e sui primi tagli dei tassi d’interesse che potrebbero concretizzarsi entro i primi sei mesi del 2024.

Ulteriori indicazioni sono attese questa sera dalle minute della Fed.

I future Usa trattano stamattina poco mossi.

A Tokyo intanto il Nikkei ha chiuso con un -0,10% a 33.354 punti.

Sul forex, l’euro/dollaro si apprezza a 1,0950; il petrolio frena con il Brent a 81 dollari e il Wti a 77 dollari al barile.

Wall Street aveva chiuso ieri sera nuovamente in rialzo: Dow Jones +0,58% a 35.151 punti, S&P 500 +0,74% a 4.547 punti, Nasdaq +1,13% a 14.284 punti.

Da oggi potete seguire le nostre news con gli ultimi aggiornamenti anche sul canale Telegram Finanza Report

raccomandazioni broker 18-06-2024 — 02:02

Raccomandazioni dei broker del 18 giugno 2024

Da segnalare anche oggi alcuni spunti dagli analisti

continua la lettura
Telegram Finanza Report