Mer 02 Dicembre 2020 — 17:36

Borsa affossata da paura del Covid. Giù Bper, recupera Saipem



Timori legati alla seconda ondata di coronavirus e ai lockdown anche parziali che rischiano di abbattersi nuovamente sull’economia, mettendo in discussione la ripresa

borsa milano

(Articolo aggiornato dopo la chiusura di Borsa) – La Borsa italiana termina in forte ribasso, accentuando l’andamento negativo delle scorse sedute sui timori legati alla seconda ondata di Covid e ai lockdown anche parziali che rischiano di abbattersi nuovamente sull’economia, mettendo in discussione la ripresa. Prosegue la carrellata di trimestrali. Intanto è partito il conto alla rovescia per le elezioni Usa del 3 novembre. Sulla Borsa di Milano oggi il Ftse Mib segna in chiusura -4,06% a 17.897 punti, in linea con il resto d’Europa, mentre anche Wall Street crolla.

Sull’obbligazionario, lo spread Btp/Bund a 10 anni segna 140 da 132 punti della seduta precedente, con il rendimento del titolo italiano a 0,77%.

Sul forex, l’euro si ritira a 1,1740 contro il dollaro; il petrolio cede terreno con il Brent a 39 dollari e il Wti a 37 dollari al barile.

Borsa: paura Covid affossa Milano, sul Ftse Mib si infittiscono vendite

Sulla Borsa di Milano i timori legati al Covid provocano perdite diffuse che non risparmiano neppure Diasorin, che limita comunque i danni a -1,3%.

Recupera dai minimi Saipem (+1,1%) dopo avere toccato il fondo in scia a una trimestrale in rosso peggiore delle attese. Il gruppo ha anche annunciato una commessa in Qatar da circa 140 milioni. Da inizio anno il titolo lascia sul terreno un -67,55%.

Giù nel comparto le azioni Eni -3,5%, mentre i conti del terzo trimestre hanno evidenziato una perdita netta rettificata di 153 milioni contro attese per un rosso di 180 milioni.

Pesante Amplifon dopo i risultati: -6%.

Nell’auto Fiat Chrysler (Fca) -3,8% dopo i risultati del terzo trimestre. Fra i peggiori Pirelli -7%.

Prosegue l’ondata di vendite sulle banche, nonostante la trimestrale sopra attese di Deutsche Bank, che cede terreno a sua volta a Francoforte.

Giù Bper -7,2% maglia nera del Ftse Mib, Unicredit -4%, Intesa Sanpaolo -4,9%, Mps -4%, fra le altre.

Mediobanca -5% nel giorno dell’assemblea chiamata a eleggere il cda.

Fra le raccomandazioni di Borsa, gli analisti di Jefferies hanno alzato il target price sulle azioni Campari (-2,5%) da 8,50 a 8 euro confermando il rating hold; Barclays alza il target da 8,70 a 9,80 euro confermando il neutral.

Jp Morgan ha migliorato il prezzo obiettivo su Enel (-6%) da 7,60 a 8,00 euro confermando il giudizio overweight.

azioni Eni 02-12-2020 — 11:39

Azioni Eni, analisti Jp Morgan alzano target price ma restano cauti

Per il broker la ripresa della domanda sarà probabilmente irregolare, ma un “super ciclo” per il settore è all’orizzonte

continua la lettura