Mer 02 Dicembre 2020 — 17:09

Borsa italiana oggi: Saipem, Eni, Fca, Atlantia, Mediobanca



L’apertura delle Borse europee è attesa oggi negativa

borsa italiana oggi

L’apertura delle Borse europee è attesa oggi in ribasso, all’indomani di una nuova seduta negativa che ha visto Piazza Affari chiudere a sua volta in deciso calo (Ftse Mib -1,53% a 18.654 punti). La Borsa italiana come gli altri listini internazionali ha scontato per il secondo giorno consecutivo i timori legati all’andamento dei contagi del coronavirus e all’impatto delle nuove misure di lockdown avviate in alcuni Paesi fra cui l’Italia.

I future Usa trattano questa mattina negativi.

A Tokyo intanto il Nikkei ha chiuso con un -0,29% a 23.418 punti.

Sul forex, l’euro/dollaro si indebolisce a quota 1,1760; il petrolio cede terreno con il Brent a 40 dollari e il Wti a 38 dollari al barile.

Wall Street ha chiuso ieri sera contrastata: Dow Jones -0,80% a 27.463 punti, S&P 500 -0,30% a 3.390 punti, Nasdaq +0,64% a 11.431 punti.

Borsa italiana oggi: le azioni in primo piano

Sulla Borsa di Milano, prosegue la carrellata di trimestrali con i conti appena diffusi da Saipem, che ha chiuso il terzo trimestre 2020 con una perdita netta di 131 milioni da +30 milioni, perdita netta adjusted di 78 milioni su ricavi a 1,7 mld (-23%), ebitda 82 milioni (-72%), perdita operativa di 61 milioni. Nei 9 mesi nuovi ordini a 5,33 miliardi dai 13,94 miliardi dei primi 9 mesi 2019. Il debito sale a 1,4 mld. Il portafoglio ordini a 21 miliardi supera i 24 miliardi includendo le società non consolidate, il 70% dei quali sono estranei al petrolio. Per la società il secondo semestre si chiuderà con ricavi ed Ebitda adjusted “sostanzialmente in linea con il primo”.

Il consensus degli analisti stimava per Saipem una perdita trimestrale adjusted di 47 milioni su ricavi per 1,76 miliardi, Ebitda adjusted a 155 milioni, nuovi ordini a 0,4 miliardi e un portafoglio ordini a 21 miliardi.

Restando ai petroliferi, si riunisce oggi anche il cda di Eni per approvare la trimestrale che sarà illustrata dall’ad Claudio Descalzi a partire dalle ore alle 15. Il consensus raccolto dalla stessa società prevede nel terzo trimestre una perdita netta adjusted di 180 milioni, utile operativo adjusted di 100 milioni, produzione a 1,703 milioni di barili giornalieri.

In mattinata sono inoltre attesi i risultati di Fiat Chrysler (Fca) con la relativa conference in programma alle ore 13. Intanto Fca e Peugeot comunicano in una nota congiunta la firma avvenuta il 27 ottobre “da parte dei rispettivi consigli di amministrazione del progetto di fusione transfrontaliera relativo alla combinazione dei due gruppi”, confermando che l’operazione dovrebbe essere perfezionata entro la fine del primo trimestre 2021.

Si riuniscono per approvare i conti anche i cda di Amplifon (conference ore 15) e Technogym.

Fra le raccomandazioni di Borsa, gli analisti di Jefferies hanno alzato il target price su Campari da 8,50 a 8 euro confermando il rating hold.

Atlantia ha ricevuto un’offerta sull’88% di Autostrade da Cdp e i fondi Blackstone e Macquarie che ricalca quella già presentata la scorsa settimana, anche nei termini economici, su valori indicati da indiscrezioni in un range di 8-9 miliardi. L’offerta diventerà vincolante solo a valle della due diligence che durerà dieci settimane. Cdp avrà il 40% della Bidco mentre i due partner internazionali il 30% ciascuno, con un accordo per consentire l’ingresso di eventuali altri partner istituzionali. Oggi si teràà il cda di Atlantia.

Da seguire poi su Borsa italiana oggi le azioni Mediobanca, nel giorno dell’assemblea chiamata a eleggere il nuovo board scegliendo tra tre liste di candidati: quella presentata dal cda uscente, quella di Assogestioni e quella depositata da Bluebell Capital Partners, fondo attivista che non ha risparmiato critiche alla gestione dell’istituto. Occhi puntati sul voto del socio Leonardo Del Vecchio.

azioni Eni 02-12-2020 — 11:39

Azioni Eni, analisti Jp Morgan alzano target price ma restano cauti

Per il broker la ripresa della domanda sarà probabilmente irregolare, ma un “super ciclo” per il settore è all’orizzonte

continua la lettura