Lun 08 Agosto 2022 — 02:19

Eni debole a Piazza Affari, Ipo Plenitude finisce in stand-by



Azioni in rosso dopo la decisione di sospendere la quotazione in ragione delle incerte condizioni di mercato

Azioni Eni negative oggi in Borsa dopo la decisione di sospendere l’Ipo di Plenitude in ragione delle incerte condizioni di mercato.

Eni ha comunicato il rinvio della quotazione di Plenitude spiegando in una nota che “dall’annuncio da parte di Eni e Plenitude dell’Intention to Float, lo scorso 9 giugno, le condizioni di mercato si sono deteriorate”.

Malgrado “le due società abbiano riscontrato da parte degli investitori un forte e diffuso interesse per Plenitude, nonché un significativo consenso sulla sua strategia”, Eni ha valutato che “la volatilità e l’incertezza che attualmente coinvolgono i mercati richiedano un’ulteriore fase di monitoraggio”.

Secondo gli analisti di Equita Sim è “difficile fare previsioni sulla tempistica dell’operazione”. Il broker considera “la valorizzazione di Plenitude come un catalyst positivo per il titolo visto il gap di valutazione tra oil company come Eni e le attività esposte alla decarbonizzazione”. Equita conferma intanto la raccomandazione buy con un target price di 16,5 euro.

Anche per Banca Akros “c’è poca visibilità su quanto durerà l’attuale incertezza e volatilità. Comunque le energie rinnovabili restano una componente chiave della strategia di Eni ed è prevista una crescita notevole in termini di capacità nei prossimi anni”.

Da parte sua Intesa Sanpaolo (buy su Eni con prezzo obiettivo a 16,60 euro) ritiene che la debolezza di breve termine del titolo, dopo l’annuncio del posticipo della Ipo di Plenitude, potrebbe rappresentare un attraente punto di ingresso.

In Borsa alle ore 11,19 Eni -0,4% a 11,384 euro, con il Ftse Mib in accelerazione a +0 84%.

moratorie covid 06-08-2022 — 11:35

Semestrali banche italiane, trainate dal margine d’interesse

L’analisi condotta per First Cisl dal Comitato scientifico della Fondazione Fiba sui conti di Intesa Sanpaolo, Unicredit, Mps, Banco Bpm e Bper

continua la lettura