Mer 26 Giugno 2019 — 12:48

Astaldi: quattro banche con Salini Impregilo e Cdp per Progetto Italia



Per Salini ipotizzato un aumento da 600 milioni. Contatti con Intesa, Unicredit, Bnl, Banco Bpm, Nel nuovo polo dovrebbero confluire Cmc, commesse di Condotte, Fincosit e probabilmente anche Pizzarotti

Salini Impregilo Astaldi

Prime indiscrezioni sul Progetto Italia che Salini Impregilo sta costruendo a partire dal salvataggio di Astaldi assieme alla Cdp e, a quanto pare, quattro banche pronte a sostenere l’operazione.

Con Astaldi nel polo  Cmc, commesse di Condotte, Fincosit e forse Pizzarotti

La stesura del piano per il nuovo polo delle costruzioni è attesa entro il 15 luglio, come resto noto da Astaldi che ne ha ricevuto a sua volta comunicazione da Salini Impregilo. Ma appunto trapelano alcuni possibili dettagli, attraverso le colonne del quotidiano Il Messaggero, che potrebbero ovviamente modificarsi in corso d’opera visto che serviranno ancora alcune settimane di trattative.

Due i punti fermi, comunque, secondo la ricostruzione del quotidiano romano: il giro d’affari al 2021, stimato in 12 miliardi e un portafoglio ordini da 45 miliardi. Nel polo dovrebbero confluire Cmc, commesse di Condotte, Fincosit e probabilmente anche Pizzarotti.

Una schiera di advisor

Sul progetto è al lavoro una schiera di advisor. Sono Lazard e Bcg per la Cassa depositi e prestiti; Vitale, Merrill Lynch, studio Bep per Salini Impregilo; Houlihan Lokey, Alvarez & Marsal, Linklaters per le banche; e inoltre ci sono Rothschild, studi Gop, Laghi, Di Gravio per Astaldi che nel prossimo cda tra qualche settimana, dovrebbe assumere il nuovo chief restructuring officer (cro), previsto nell’offerta di Salini. Il nome, secondo il Messaggero, è stato individuato in Paolo Amato, ex cfo di Alitalia ai tempi di Rocco Sabelli, poi approdato nella società svizzera Renova asset management.

Per Progetto Italia contatti con Intesa Sanpaolo, Unicredit, Bnp-Bnl, Banco Bpm

Tra Pietro Salini, i principali banchieri come Carlo Messina (Intesa Sp), Jean Pierre Mustier (Unicredit), Jean-Laurent Bonnafè e Andrea Munari (Bnp-Bnl), Giuseppe Castagna (Banco Bpm), e l’ad di Cdp Fabrizio Palermo i colloqui si sarebbero infittiti negli ultimi giorni.

Quanto ai continui rinvii, le parti hanno preso più tempo in quanto attorno al piano concordatario su Astaldi va costruito il polo delle costruzioni, come richiesto espressamente da Cdp per poter partecipare con un’operazione di sistema, e non di salvataggio, per non incorrere nei veti Ue.

Salini, ipotesi di aumento per 600 milioni

E, dal momento che serviranno basi finanziarie solide, la bozza di progetto secondo la ricostruzione di stampa prevede una ricapitalizzazione di Salini Impregilo per circa 600 milioni.

Il tema ha tenuto banco nel cda di ieri della Cdp, mentre si sono riuniti i comitati di Intesa Sanapaolo che riunisce oggi a Torino il board; la prossima settimana si svolgeranno i comitati di Unicredit (cda mercoledì 5 giugno) e martedì 28 a Milano il cda di Banco Bpm, spiega il Messaggero.

Secondo la bozza, l’aumento di capitale potrebbe essere fatto entro fine anno e Cdp dovrebbe intervenire con un apporto di capitale di 300 milioni pari a una quota di circa il 25%. Intesa Sp, Unicredit, Bnp-Bnl, Banco Bpm tutte insieme dovrebbero versare 150 milioni pari al 15%: Intesa Sanpaolo sarebbe favorevole a partecipare all’operazione, Unicredit più restia, secondo le indiscrezioni, mentre le altre due attendono una linea comune.

Il nodo della governance

Quanto al nodo della governance, emerso nei giorni scorsi, Salini Simonpietro, che ha il 67% di Salini Impregilo, dovrebbe mettere 50 milioni e diluirsi al 45% mentre 100 milioni verranno garantiti da Morgan Stanley. Riguardo la governance, il nuovo cda sarà di 19 membri: 7 a Salini, 5 a Cdp, 3 alle banche. Oggetto di confronto i poteri dell’ad Salini rispetto a quelli del cda, il cui presidente sarà un personaggio di alto profilo.

Oggi in Borsa a metà mattina azioni Astaldi positive con un +0,65% a 0,618 euro, Salini Impregilo +2,47% a 1,699 euro, in una giornata di rimbalzo per Piazza Affari.

officina stellare 26-06-2019 — 10:58

Officina Stellare, decolla al debutto su Aim di Borsa Italiana

La società, basata a Sarcedo (Vicenza), punta a imporsi a livello internazionale “Space Factory” di riferimento

continua la lettura