Ven 23 Aprile 2021 — 06:22

Borsa Milano oggi cauta, in evidenza Eni e Stm. Rimbalzo per Mps



Fra i temi in primo piano l’andamento dei contagi del coronavirus, nuovi lockdown in Europa e rallentamenti nella campagna di vaccinazioni. Negli Usa si guarda al voto in Georgia che potrebbe modificare gli equilibri del Congresso

Borsa italiana oggi

La Borsa di Milano oggi chiude in rosso all’indomani di una seduta marginalmente positiva, confermando l’atteggiamento cauto degli operatori dopo il forte recupero dell’ultima parte del 2020. Fra i temi in primo piano l’andamento dei contagi del coronavirus, nuovi lockdown in Europa e rallentamenti nella campagna di vaccinazioni. Negli Usa si guarda al voto in Georgia che potrebbe modificare gli equilibri del Congresso. Sulla Borsa italiana oggi il Ftse Mib segna in chiusura un -0,52% a 22.200 punti, in linea con il resto d’Europa (fa eccezione solo Londra, in moderato rialzo), mentre Wall Street tratta sopra la parità.

Sull’obbligazionario, lo spread Btp/Bund a 10 anni segna oggi 115 punti base, sui livelli della seduta precedente, con il rendimento del titolo italiano a 0,57%. Il Tesoro ha collocato via sindacato un nuovo Btp a 15 anni per un ammontare di 10 miliardi, riscontrando una domanda di oltre 105 miliardi e spuntando un prezzo di 99,409 corrispondente ad un rendimento lordo annuo all’emissione dello 0,992%.

Sul forex, l’euro avanza a quota 1,2290 contro il dollaro; il petrolio guadagna terreno in attesa di nuove decisioni dell’Opec con il Brent a 52 dollari e il Wti a 49 dollari al barile.

Borsa Milano oggi: in luce Eni e ancora Stmicroelectronics (Stm)

Sulla Borsa di Milano si mettono in luce i petroliferi con le azioni Eni a +3,7% in attesa delle decisioni dell’Opec e dei suoi alleati che avrebbero trovato un accordo per mantenere gli attuali livelli di produzione, senza aumentarli, mentre crescono i timori sulla domanda di greggio per i continui lockdown.

Svetta però Saipem che segna +4,1%, Tenaris +3,6%.

Fiat Chrysler (Fca) -0,3% consolida all’indomani delle assemblee che hanno approvato la fusione con Peugeot nel nuovo gruppo Stellantis, mentre è in arrivo il dividendo straordinario, per ora “condizionato”, che avrà record date il 15 gennaio. Intanto il gruppo ha registrato in Italia immatricolazioni in crescita del +1,1% a dicembre, battendo il mercato che ha avuto invece una flessione del -14,95%.

Fra le raccomandazioni di Borsa, gli analisti di Jp Morgan hanno tagliato il rating sulle azioni Pirelli (-1,6%) da neutral a underweight, limando il prezzo obiettivo da 4,10 a 4 euro per azione.

SocGen ha alzato il target price su Moncler (-2,7%) da 38 a 52 euro mantenendo il giudizio hold, e su Salvatore Ferragamo (-1,2%) da 8 a 9 euro confermando il sell.

Fra le banche Unicredit -1,1% mentre secondo le ultime indiscrezioni di stampa è ripresa la caccia al nuovo ceo nonché il dialogo tra advisor per giungere a un accordo sull’integrazione di Mps, che balza così di un +6%. Secondo il Messaggero inoltre la banca senese, a fronte di un’aggregazione, potrebbe scorporare 300 filiali della Toscana per mantenere il marchio e il focus sulla regione.

Intesa Sanpaolo -1,1%, recupero per Bper +0,8%.

Bene anche oggi Stmicroelectronics (Stm) +0,9% dopo il +4% di ieri.

Fra i peggiori Hera -2,6%, sempre fra le utilities Enel cede un -0,7% scontando anche la risalita dei rendimenti dei titoli di Stato.

22-04-2021 — 10:06

Credit Suisse chiude trimestre in profondo rosso dopo caso Archegos

La perdita è meno forte delle attese, ma il regolatore apre un’indagine. Via a due bond convertibili. Il titolo perde terreno sulla Borsa di Zurigo

continua la lettura