Mer 04 Agosto 2021 — 12:10

Borsa Milano chiude in rosso: bene Ferrari, piatta Enel, settimana negativa



Una seduta segnata nuovamente dai timori per il balzo dei tassi obbligazionari

borsa milano

Piazza Affari chiude in rosso una seduta segnata nuovamente dai timori per il balzo dei tassi obbligazionari, che hanno visto schizzare questa settimana anche i rendimenti dei Btp, mentre lo spread si è riportato sopra quota 100. I tassi salgono in concomitanza con le aspettative d’inflazione, facendo temere una potenziale riduzione degli stimoli messi in campo dalle banche centrali per contrastare l’impatto del coronavirus. Le rassicurazioni da parte dei banchieri centrali quindi non sono bastate. Sulla Borsa di Milano oggi il Ftse Mib segna in chiusura -0,93% a 22.848 punti, in linea con il resto d’Europa, mentre Wall Street procede contrastata con un tentativo di rimbalzo dei tecnologici. L’indice principale di Piazza Affari a questi livelli archivia la settimana con un calo di oltre 1 punto percentuale.

Sull’obbligazionario, lo spread Btp/Bund a 10 anni segna 102 da 103 punti base della seduta precedente, con il rendimento del titolo italiano in leggero calo a 0,76%.

Sul forex, l’euro si ritira sotto quota 1,21 contro il dollaro; il petrolio è debole con il Brent a 66 dollari e il Wti a 62 dollari al barile.

Borsa Milano oggi: svetta Ferrari, Enel cerca un rimbalzo

Sulla Borsa di Milano le azioni Enel vanno a caccia di un rimbalzo ma finisce piatta (+0,05%) dopo le continue vendite dei giorni scorsi legate alla corsa dei tassi, che rendono così meno appetibili le utilities. Intanto il colosso elettrico ha annunciato l’emissione entro l’anno di uno o più bond ibridi fino a 3 miliardi. Da registrare anche lo sbarco di EnelX sul mercato indiano.

Svetta oggi Ferrari con un progresso di oltre 1 punto percentuale.

Occhi puntati sui petroliferi con Saipem che resta sotto pressione dopo i conti peggiori delle attese e cede oltre il 3%.

Fra le raccomandazioni di Borsa, gli analisti di Jefferies hanno alzato il target price sulle azioni Tenaris, dopo i conti, da 6,50 a 8 euro, confermando il rating hold. Il titolo consolida (-1,1%) dopo il +14% di ieri.

Bernstein ha alzato il prezzo obiettivo su Eni (-2%) da 7 a 8 euro confermando il giudizio underperform.

Focus su Leonardo (-2,4%) che ha approvato l’Ipo della controllata Usa Drs, ma su una quota inferiore al 40% stimato.

Fincantieri corre ma poi frena dopo i dati incoraggianti del quarto trimestre e un contratto da 1,35 miliardi con la Marina Militare per due sommergibili. Il titolo cede nel finale l’1%.

Nuovi realizzi su Atlantia -0,7% nel giorno del cda che dovrà esprimersi sull’offerta vincolante di Cdp e fondi per l’88% di Autostrade, valutato dalla cordata circa 8 miliardi, mentre viene inoltre richiesta una garanzia di 700 milioni su eventuali azioni legali per il crollo del Ponte Morandi.

Fra le banche realizzi su Unicredit -2,2%, Intesa Sanpaolo -0,8%, Mps -1,95% all’indomani di un cda che ha approvato il progetto di Bilancio in continuità aziendale ma evidenziando incertezze sul via libera europeo alla ricapitalizzazione.

borsa italiana oggi 04-08-2021 — 08:13

Borsa italiana oggi: Poste, Nexi, Intesa Sanpaolo, Bper

L’apertura delle Borse europee è attesa oggi positiva

continua la lettura