Dom 26 Settembre 2021 — 02:32

Leonardo, via libera all’Ipo Drs



Sul Nyse una quota inferiore al 40% preventivato, ma da cui l’ex Finmeccanica potrebbe ricavare 1 miliardo per abbattere il debito

leonardo drs finmeccanica

Fumata bianca del cda di Leonardo all’Ipo della controllata americana Drs. La notizia, anticipata questa mattina da indiscrezioni di stampa, è stata confermata dalla società, che ha presentato nel pomeriggio la domanda di quotazione al Nyse.

Leonardo, Ipo Drs ai nastri di partenza

Sul listino americano andrà una quota di Drs inferiore al 40% preventivato, ma da cui l’ex Finmeccanica potrebbe ricavare fino a 1 miliardo da utilizzare per abbattere il debito.

Nei giorni scorsi erano stati ipotizzati introiti per oltre 2 miliardi.

La decisione è stata presa ieri dal board presieduto da Luciano Carta e guidato dall’ad Alessandro Profumo.

Leonardo, Ipo Drs sul 25-30%

L’Ipo dovrebbe riguardare il 25-30% di Drs, secondo i rumors di stampa. Tutte le azioni ordinarie oggetto dell’offerta saranno collocate da Leonardo US Holding, spiega il gruppo. Il numero di azioni ordinarie da collocare e la fascia di prezzo del collocamento non sono ancora stati determinati, aggiunge il comunicato. Il perfezionamento dell’operazione è atteso entro la fine di marzo 2021, ed è soggetto, tra l’altro, al completamento del processo di verifica della Sec e a condizioni di mercato favorevoli.

“Oggi annunciamo un passo importante nello sviluppo strategico di Leonardo, con la proposta di quotare una percentuale minoritaria di Leonardo Drs al New York Stock Exchange – ha commentato Profumo -. Mantenendo una quota di maggioranza continueremo ad avere una significativa esposizione in questo mercato strategicamente importante, continuando a far leva sulle relazioni consolidate a beneficio di tutti i business di Leonardo”.

Per l’ex Drs Technologies si tratta di un ritorno alle contrattazioni dopo il delisting del 2008 a valle dell’acquisizione da parte di Finmeccanica per 5,2 miliardi di dollari.

La nuova Ipo era stata messa in cantiere, con le prime valutazioni, nello scorso novembre.

Leonardo, la reazione delle azioni in Borsa

Drs è una società di elettronica della Difesa che genera circa il 18% dei ricavi del gruppi.

Mediobanca ricopre il ruolo di advisor nell’operazione, gestita da un terzetto di super banche Usa: Goldman Sachs, Bofa e Jp Morgan, assieme a Barclays, Citigroup, Credit Suisse e Morgan Stanley.

Da segnalare intanto che il gruppo ha ottenuto un contratto da 150 milioni nella commessa vinta da Fincantieri per due sommergibili della Marina. Leonardo si occuperà della fornitura di sistemi.

In Borsa le azioni Leonardo segnano in chiusura -2,44% a 6,63 euro con il Ftse Mib a -0,93%.

azioni Carige 24-09-2021 — 10:04

Carige, la Bce torna in pressing ma Genova ora punta su fusione a tre

Francoforte avrebbe chiesto al Fitd un piano alternativo alla ricerca di un partner

continua la lettura