Sab 06 Marzo 2021 — 12:33

Leonardo svetta in Borsa, decolla la quotazione di Drs



Il dossier avrebbe subito un’accelerazione. La controllata tornerebbe a Wall Street entro marzo, con un’operazione che dovrebbe portare nelle casse del gruppo 2,1 miliardi

leonardo drs finmeccanica

Azioni Leonardo sugli scudi in Borsa dopo i rumors sulla imminente quotazione della controllata americana Drs. Il dossier avrebbe subito un’accelerazione. E il ritorno agli scambi potrebbe avvenire entro marzo.

L’ex Finmeccanica, secondo quanto riferisce oggi il Messaggero, dovrebbe riunire il cda a metà della prossima settimana e varare l’operazione che potrebbe portare nelle casse del gruppo 2,1 miliardi.

Leonardo è affiancata dagli advisor Goldman Sachs, Jp Morgan, Morgan Stanley che stanno serrando le fila per strutturare l’operazione. Ieri sera ci sarebbe stata una videoconferenza di alcune ore fra le parti coinvolte per procedere alla messa a punta del collocamento.

Come era emerso già nel novembre scorso quando fu avviata la valutazione preliminare dell’Ipo da finalizzare a metà del 2021, il collocamento riguarda una partecipazione del 40% del capitale. La struttura si dovrebbe articolare in un’offerta pubblica di vendita e sottoscrizione (Opvs).

Essa, viene spiegato, si caratterizza per le modalità differenti relative alla cessione di titoli in portafoglio a Leonardo, affiancata da un aumento di capitale di Drs riservato ad investitori istituzionali internazionali che farà affluire liquidità nelle casse del produttore di prodotti e supporti per forze militari ed agenzie di spionaggio.

Nella riunione fra le banche di ieri sera, sarebbe emerso l’orientamento di come bilanciare l’Ipo tra cessione di azioni e nuovi titoli da far sottoscrivere. E il mix, secondo la ricostruzione di stampa, dovrebbe prevedere la prevalenza di azioni Drs nel portafoglio di Leonardo da cedere sul mercato pari al 60% dell’intero flottante.

Sulla base di una valutazione di Drs vicina a 3,5 miliardi, la cessione del pacchetto azionario dovrebbe assicurare al gruppo italiano della difesa e sicurezza un introito pari a circa 2,1 miliardi.

Secondo gli analisti di Equita, che commentano la notizia, se confermato il deal a questa valutazione sarebbe “molto positivo” in quanto “Drs da sola rappresenterebbe quasi l’intera market cap di Leonardo”.

Si attendono sviluppi. Nel pomeriggio, poco prima della chiusura delle contrattazioni, Leonardo ha diffuso la seguente nota: “Su richiesta della Consob a seguito dell’odierno andamento del titolo, Leonardo informa che la società sta valutando la possibilità di procedere alla quotazione di Leonardo DRS in un’ottica di creazione di valore per i propri azionisti”. La società “ribadisce tuttavia che, come già comunicato in data 9 novembre 2020,nessuna decisione formale in merito è stata ancora presa”.

Il titolo in Borsa non ha però fermato la sua corsa, per chiudere in rialzo del +10,05% a 6,59 euro.

mediobanca del vecchio 05-03-2021 — 10:29

Del Vecchio smentisce asse con Caltagirone su Mediobanca-Generali

Al momento non sembra che i due soci abbiano un piano comune per intervenire sulla governance del Leone di Trieste. La partita comunque si deciderà entro un anno

continua la lettura