Mer 22 Gennaio 2020 — 13:25

Intesa Sanpaolo e Prelios chiudono il maxi accordo sui crediti Utp



Contratto decennale per il servicing e cessione di tre miliardi di incagli. Il titolo della banca rimbalza in Borsa

intesa sanpaolo tltro

Ottenute le necessarie autorizzazioni, Intesa Sanpaolo e Prelios hanno perfezionato la partnership strategica sui crediti Utp (Unlikely To Pay o inadempienze probabili). L’accordo, che era stato firmato e reso noto al mercato il 31 luglio scorso, comprende un contratto per il servicing da parte di Prelios con l’obiettivo di massimizzare i rientri in bonis, e la cessione e cartolarizzazione di un portafoglio relativi a crediti Utp.

Intesa Sanpaolo e Prelios stringono partnership su Utp

Più in dettaglio, l’accordo tra Intesa Sanpaolo e Prelios prevede due operazioni: un contratto di durata decennale per il servicing di crediti Utp del segmento Corporate e Sme (piccole imprese) del Gruppo Intesa Sanpaolo da parte di Prelios, con un portafoglio iniziale pari a circa 6,7 miliardi di euro al lordo delle rettifiche di valore; la cessione e cartolarizzazione di un portafoglio di crediti UTP del segmento Corporate e Sme del Gruppo Intesa Sp pari a circa 3 miliardi di euro al lordo delle rettifiche di valore, a un prezzo pari a circa 2 miliardi di euro, in linea con il valore di carico.

Gli obiettivi dell’alleanza

La partnership con Prelios, spiega una nota, permetterà a Intesa di focalizzarsi sulla gestione proattiva dei crediti ai primi stadi di deterioramento e di accelerare ulteriormente il conseguimento dell’obiettivo di riduzione dei crediti deteriorati indicato nel Piano di Impresa 2018-2021.

Prelios potrà far leva, nella gestione della componente real estate dei crediti Unlikely To Pay, sulla propria storica competenza che copre tutta la catena del valore immobiliare. Per la parte corporate degli Utp, farà leva su un innovativo processo industrializzato di gestione dei crediti – nell’ambito di un ecosistema che si rapporti con tutti i soggetti coinvolti – mirato a identificare di volta in volta le migliori soluzioni che diano alle imprese concrete prospettive di recupero, a beneficio dell’economia reale.

Un anno fa l’accordo con Intrum

Tali operazioni, spiega ancora la banca guidata da Carlo Messina, vengono effettuate nel rispetto degli obiettivi e delle previsioni per l’esercizio 2019 e per il Piano di Impresa 2018-2021 e non influenzano la partnership strategica già avviata da tempo con Intrum, il cui closing fu firmato esattamente un anno fa.

Intesa Sanpaolo è stata assistita da Rothschild per gli aspetti finanziari e da McKinsey per la componente industriale. Banca Imi ha svolto il ruolo di arranger della cartolarizzazione. Chiomenti ha agito come unico advisor legale per la strutturazione e la negoziazione dell’operazione. Deloitte e Deloitte Legal hanno supportato l’attività di due diligence e di portfolio management. Prelios è stata assistita da Bain & Company, Orrick, RCCD, Linklaters, Mediobanca, Jp Morgan, Houlihan Lokey.

In Borsa alle ore 10,43 le azioni Intesa Sanpaolo segnano +1,47% a 2,278 euro.

popolare sondrio caricento 22-01-2020 — 10:43

Popolare Sondrio, è guerra con il fondo Amber

Il fondo, che si è visto bocciare la richiesta di ammissione a socio, non potrà partecipare all’assemblea e denuncia la “violazione della democrazia azionaria”

continua la lettura