Ven 27 Maggio 2022 — 14:14

Azioni Leonardo ok in Borsa, nuovi contratti per oltre 600 milioni



Intanto secondo indiscrezioni di stampa il gruppo studieremo il rilancio rilancio della divisione aerostrutture, Equita conferma il suo giudizio positivo

leonardo dimissioni profumo

Azioni Leonardo ben intonate oggi in Borsa, e in controtendenza rispetto all’intonazione generale, dopo alcuni nuovi contratti annunciati nelle ultime ore e indiscrezioni di stampa sul potenziale rilancio della divisione aerostrutture.

I contratti riguardano la fornitura di elicotteri all’Austria e radar E-scan dei velivoli Eurofighter Typhoon tedeschi e spagnoli.

Il titolo del gruppo guidato da Alessandro Profumo ha terreno da recuperare dopo avere sottoperformato a Piazza Affari nel 2021.

L’ex Finmeccanica ha ottenuto una commessa per la fornitura di elicotteri AW169M LUH (Light Uitlity Helicopter) destinati al ministero della Difesa austriaco. Il contratto, del valore di 346 milioni di euro, è stato firmato nell’ambito dell’accordo Government-to-Government (G2G) Italia-Austria volto al rafforzamento della collaborazione bilaterale tra i due Paesi e alla definizione di una partnership strategica in campo elicotteristico.

In mattinata Leonardo ha poi annunciato la firma di contratti per oltre 260 milioni di euro con Hensoldt, che
consentiranno all’azienda di avere un ruolo chiave nello sviluppo e nelle consegne del radar a scansione elettronica – l’ECRS Mk1 (European Common Radar System Mk1) – dei velivoli Eurofighter Typhoon ordinati da Germania e Spagna. Nello specifico, Leonardo si occuperà dello sviluppo di nuove capacità a banda larga e fornirà componenti essenziali della nuova antenna radar, dell’APSC (Antenna Power Supply & Control) e relativi processori.

A ciò si aggiungono i rumors riportati dal Sole 24 Ore secondo cui Leonardo starebbe lavorando a un piano di nuovi investimenti da 300 milioni per il rilancio dei siti della divisione aerostrutture, a partire da quello di Grottaglie (Puglia), che sono stati pesantemente colpiti dalla pandemia e dalla conseguente crisi del mercato dell’aeronautica civile.

Per Grottaglie l’obiettivo consisterebbe nel diversificare la produzione dell’impianto dove fino ad oggi vengono solo costruite le sezioni della fusoliera in fibra di carbonio del Boeing 787. Tra le opzioni ci sarebbe la produzione dei prototipi del drone ad energia solare, forse in collaborazione con la start-up spagnola-americana Skydweller (di cui Leonardo è anche azionista).

Si guarda inoltre alla futura produzione delle ali in fibra di carbonio del programma Eurodrone e i nuovi laboratori per lo studio dei materiali avanzati e il nuovo joint Lab con Solvay sui materiali compositi e nuovi processi di produzione. In ogni caso secondo la ricostruzione di stampa il 2022 per le aerostrutture sarà ancora un anno di crisi, tanto è vero che Leonardo ha già ottenuto la cassa integrazione per 3.500 dipendenti.

Gli analisti di Equita, confermando la raccomandazione d’acquisto sulle azioni Leonardo con target price 8,80 euro, apprezzano le ultime notizie riguardanti il colosso aerospaziale. Il broker peraltro ricorda che la divisione aerostrutture è in perdita strutturale ed è la principale responsabile del limitato Free Cash Flow del gruppo, atteso nel 2021 a soli 0,1 miliardi, con le aerostrutture che assorbono 350-400 milioni di liquidità.

Secondo gli esperti “il rilancio di questa divisione è fondamentale per un ritorno di interesse per l’equity story che continua a trattare a multipli particolarmente cheap”.
In Borsa alle ore 11,09 le azioni Leonardo segnano +3,13% a 6 844 euro.

autogrill aumento di capitale 27-05-2022 — 09:37

Fusione Autogrill Dufry, le banche accelerano sull’operazione

Nuovi rumors, l’obiettivo è creare il leader europeo del settore. Il titolo avanza a Piazza Affari

continua la lettura