Ven 07 Maggio 2021 — 10:04

Unicredit: con Orcel frenata per fusione con Mps, ma risale ipotesi Banco Bpm



Siena potrebbe rimandare i suoi piani sulla riprivatizzazione, intanto domani cda sul capital plan

unicredit orcel

Con Andrea Orcel alla guida di Unicredit potrebbe tramontare l’ipotesi di un’acquisizione di Mps. Non solo: secondo alcune ricostruzioni di stampa il Tesoro potrebbe decidere di congelare e posticipare i piani sulla riprivatizzazione della banca senese, di cui ha una quota del 64%.

Unicredit: con Orcel meno probabile operazione su Mps

Orcel, la cui designazione sarà intrapresa oggi dal cda di Unicredit, è banchiere d’affari esperto in operazioni di fusioni e acquisizioni. In qualità di consulente fu tra i protagonisti della nascita di Unicredit, nonché la stessa cessione di Antonveneta a Mps, un’operazione quest’ultima che segnò l’inizio dei guai per la banca più antica del mondo. Inoltre favorì l’espansione internazionale di Unicredit che l’ha portata a essere un player europeo.

Andrea Orcel unicredit

Andrea Orcel

Sul dossier Monte dei Paschi però Orcel ha ricevuto il gradimento di quegli stessi azionisti, fra cui Leonardo Del Vecchio, che non vedono di buon occhio il matrimonio con Siena.

Unicredit, Orcel, Mps e i piani del Tesoro

D’altra parte, l’arrivo dell’ex ministro Pier Carlo Padoan a Unicredit, di cui è presidente in pectore, aveva fatto pensare a un percorso segnato per la fusione con Mps. Padoan fu l’artefice del salvataggio di Mps e successivamente fu eletto in Parlamento, sotto le insegne del Pd, nel collegio di Siena.

Le prossime settimane saranno decisive per capire gli sviluppi futuri, soprattutto sul lato Mps, che domani intanto riunisce il cda sul capital plan da sottoporre alla Bce. Orcel invece si insedierà ai vertici di Unicredit solo con l’assemblea del 15 aprile.

Torna l’ipotesi Unicredit-Banco Bpm

La reputazione di Andrea Orcel fa intanto ipotizzare possibili altre manovre di fusioni e acquisizioni. Torna soprattutto in auge la possibile fusione tra Unicredit e Banco Bpm, operazione già promossa dagli analisti che vi vedono un forte razionale strategico.

Al momento Banco Bpm ha avviato discussioni preliminari con Bper, che deve in ogni caso assorbire le filiali ex Ubi derivanti dagli accordi della maxi operazione di M&A targata Intesa Sanpaolo.

In Borsa alle ore 11,44 le azioni Unicredit sono poco mosse a 7,75 euro dopo il +4,45% di ieri; Banco Bpm +0,66% a 1,821 euro; Mps +0,47% a 1,072 euro.

banche analisti 07-05-2021 — 09:39

Mps, esuberi e maxi fusioni: sindacati scendono in campo

Fabi, First Cisl, Fisac-Cgil, Uilca e Unisin hanno scritto una lettera al ministro dell’Economia Daniele Franco

continua la lettura