Mar 04 Agosto 2020 — 21:38

Ops Intesa-Ubi, Fondazioni e Cattolica prendono tempo



L’offerta chiude oggi la prima settimana all’insegna della cautela. Le adesioni finora sono state fiacche, ma i grandi soci si apprestano a posizionarsi

intesa sanpaolo ubi

(Articolo aggiornato dopo la chiusura di Borsa) – L’ops di Intesa Sanpaolo su Ubi Banca chiude oggi la prima settimana all’insegna della cautela. Le adesioni finora sono state fiacche in quanto i grandi soci di Ubi si devono ancora posizionare. Fra questi: la Fondazione Banca del Monte di Lombardia, che ha rinviato nuovamente ogni decisione dopo avere incontrato ieri l’advisor SocGen; e Cattolica Assicurazioni, che si appresta a sua volta ad esaminare l’ops.

Ops Intesa-Ubi avanti con cautela

L’offerta chiuderà il prossimo 28 luglio. Intanto nei primi 5 giorni le azioni apportate ammontano all’1,072% del capitale. Fra i soci storici di Ubi, la Fondazione Banca del Monte di Lombardia si è riunita ieri con l’advisor SocGen, decidendo di rinviare ogni decisione sull’offerta. Lo stesso aveva fatto nei giorni scorsi la Fondazione Cr Cuneo.

La fondazione lombarda presieduta da Aldo Poli, che in un’intervista aveva auspicato un ritocco dell’offerta da parte di Intesa Sp, è azionista di Ubi con il 3,95% del capitale. Il consiglio potrebbe essere riconvocato tra la prossima settimana e la successiva mentre l’advisor continuerà le sue valutazioni. A Poli è stato anche delegato il compito di incontrare i vertici di Ubi, che avevano chiesto un incontro al cda, dopo la presentazione del piano industriale aggiornato.

Ops, la scelta di Cattolica

Ma anche Cattolica Assicurazioni, titolare di un 1% di Ubi che può comunque pesare, ha avviato una propria riflessione sulla proposta. Lo scrive oggi il quotidiano Il Messaggero. Partner di Ubi nella bancassurance, sia pure con un accordo a scadenza, il gruppo veronese di recente aveva raddoppiato la propria partecipazione nel capitale di Ubi decidendo di apportare al Car il suo 1%.

Tuttavia, almeno secondo le indiscrezioni del quotidiano romano, il cda di Cattolica avrebbe deciso di abbandonare il patto di consultazione per avere mani libere quando tra qualche giorno si tratterà di aderire o meno all’offerta di scambio.

Da vedere se il parere di Cattolica, nei mesi scorsi fermamente contrario all’operazione, sia destinato a cambiare anche alla luce dei recenti accordi con Generali, destinata a divenire azionista della compagnia veronese con oltre il 24%. Infatti Generali ha come primo socio Mediobanca al 13%. E Mediobanca è advisor di Intesa Sanpaolo nell’offerta.

Cda di Intesa

Ieri si è inoltre tenuto un cda di Intesa. La riunione secondo i rumors di stampa è stata dedicata a un’informativa del ceo Carlo Messina dopo la bocciatura dell’ops da parte dei vertici di Ubi.

Non sarebbe è emersa l’ipotesi di un ritocco dell’offerta. Anche in questo caso però il tempo riserva altre settimane a disposizione per l’eventuale rilancio. Il concambio attuale prevede che ogni 10 azioni Ubi portate in adesione siano corrisposte 17 azioni Intesa. Da ricordare inoltre che entro il 25 luglio sarà reso noto il verdetto dell’antitrust.

Intanto gli analisti di Ubs hanno alzato oggi il target price su Intesa Sanpaolo da 1,85 a 1,95 euro confermando il rating neutral.

In Borsa le azioni Intesa Sanpaolo chiudono con un +1,98% a 1,7654 euro; Ubi Banca +1,25% a 3,078 euro.

borsa italiana oggi 04-08-2020 — 08:23

Borsa italiana oggi: Intesa Sanpaolo, Fca, Exor

L’apertura delle Borse europee è attesa oggi sopra la parità

continua la lettura