Lun 25 Maggio 2020 — 16:10

Anima, Alessandro Melzi D’Eril nuovo amministratore delegato



Nomina in continuità rispetto al predecessore Carreri, che in una recente intervista aveva sponsorizzato la sua candidatura

Alessandro Melzi D'Eril

Sarà Alessandro Melzi D’Eril il nuovo amministratore delegato di Anima Sgr (nonchè della Holding capogruppo). Lo ha deciso oggi il cda. Melzi D’Eril, 45 anni, è attualmente direttore generale del gruppo del risparmio gestito e subentra all’ad uscente Marco Carreri che lascia dopo 11 anni.

Anima, Alessandro Melzi D’Eril nuovo amministratore delegato

La nomina di Alessandro Melzi d’Eril avviene in continuità rispetto al predecessore, che in una recente intervista aveva sponsorizzato la sua candidatura. Sulla stampa erano circolati anche i nomi dell’ex ad della Cdp Fabio Gallia e di Alberto Castelli, già numero uno di BancoPosta Fondi.

Melzi d’Eril, 45 anni, opera nel gruppo Anima dal gennaio 2011, dopo essere stato dal 2004 al 2011 Investment Director di Clessidra, uno dei principali fondi di private equity in Italia. Proprio in Clessidra, spiega una nota, nel 2009 partecipò all’avvio, con l’acquisizione dell’allora Prima Sgr dal Gruppo Banca Mps, del progetto destinato a dar luce all’attuale Anima, cresciuta in questi anni tramite una combinazione di acquisizioni e crescita organica fino a diventare il principale gruppo indipendente di risparmio gestito in Italia.

Titolo recupera in Borsa

In Anima Holding, Melzi d’Eril ha ricoperto il ruolo di cfo (direttore finanziario) fino al 2017, anno in cui è stato nominato direttore generale della società.

Il cda ha anche indicato Melzi d’Eril quale ad e dg della principale controllata operativa, Anima Sgr, società nella quale ricopriva il ruolo di Condirettore generale dal dicembre 2018.

In Borsa le azioni Anima Holding prendono spunto per tentare un recupero, in una nuova giornata volatile per i listini di Piazza Affari: alle ore 12,19 il titolo risale dai minimi con un -0,4% a 2,52 euro.

Unicredit intesa ubi 25-05-2020 — 08:33

Unicredit, ammessa da antitrust all’istruttoria Intesa-Ubi

Una mossa che secondo alcuni osservatori sarebbe arrivata a sorpresa, e che in ogni caso contribuisce a mettere in bilico l’offerta di Intesa Sanpaolo. Intanto i tempi si allungano

continua la lettura