Mer 02 Dicembre 2020 — 17:00

Borsa Milano riprende a salire, da inizio novembre Ftse Mib +21%



Listini sostenuti ancora dalla corsa ai vaccini e dalla ripresa delle trattative sullo stimolo fiscale Usa

Borsa italiana oggi

(Articolo aggiornato dopo la chiusura di Borsa) – La Borsa italiana riprende a salire oggi dopo il breve stop di ieri e manda in archivio un’altra settimana positiva. Il focus resta sul vaccino anti-Covid: oggi Pfizer dovrebbe sottoporre la richiesta di autorizzazione d’urgenza alla Fda americana, mentre il via libera Ue è atteso a dicembre. Negli Usa inoltre tornano in primo piano i negoziati fra Repubblicani e Democratici sullo stimolo fiscale. Sulla Borsa di Milano oggi il Ftse Mib segna in chiusura +0,79% a 21.706 punti, migliore d’Europa, mentre Wall Street procede contrastata.

A questi livelli il bilancio della settimana è un +3,8% per l’indice principale milanese, mentre i guadagni da inizio novembre sfiorano il +21%.

Sull’obbligazionario, lo spread Btp/Bund a 10 anni segna 122 da 121 punti base della seduta precedente, con il rendimento del titolo italiano a 0,63%.

Sul forex, l’euro consolida a 1,1850 contro il dollaro; il petrolio è poco mosso con il Brent a 44 dollari e il Wti a 41 dollari al barile.

Borsa Milano, sul Ftse Mib svettano banche e Unipol

Sulla Borsa di Milano il tema del giorno rappresentato dalle dichiarazioni del ceo di Unipol Carlo Cimbri che ha sponsorizzato una potenziale fusione tra Bper (+4,1%) e Banco Bpm (+3,7%), con Unipol a +3,8%.

In generale ripresa le banche con Unicredit e Intesa Sanpaolo in rialzo di circa 1 punto percentuale.

Nell’auto Fca -0,5% mentre è giunto il via libera dell’autorità di mercato olandese alla quotazione a Milano e Parigi di Stellantis, l’entità risultante dalla fusione con Psa.

Bene Leonardo in rialzo di un +0,8%.

I petroliferi vedono Eni a +0,6%, Saipem -1,5%, Tenaris -0,2%.

In evidenza dopo i conti le azioni Brunello Cucinelli (+5,4%) con la casa di moda che si aspetta di limitare il calo delle vendite a -10% nel 2020.

Fra le raccomandazioni di Borsa, restando nel lusso gli analisti di Jefferies hanno alzato il target price sulle azioni Salvatore Ferragamo (+0,7%) da 15 a 17,50 euro, confermando il rating buy.

Hsbc ha promosso Tod’s (+2%) a hold con un prezzo obiettivo di 22 euro.

Inoltre Credit Suisse ha alzato il target su Terna (+2,5%) da 5,90 a 6,20 euro confermando il giudizio neutral.

azioni Eni 02-12-2020 — 11:39

Azioni Eni, analisti Jp Morgan alzano target price ma restano cauti

Per il broker la ripresa della domanda sarà probabilmente irregolare, ma un “super ciclo” per il settore è all’orizzonte

continua la lettura