Mer 27 Ottobre 2021 — 18:24

Borsa italiana oggi: Banco Bpm, Pirelli, Salvatore Ferragamo



L’apertura delle Borse europee è attesa oggi poco mossa

Borsa italiana oggi

L’apertura delle Borse europee è attesa oggi in marginale rialzo, alla ripartenza dopo una seduta contrastata venerdì scorso che ha visto Piazza Affari chiudere in leggero rialzo (Ftse Mib +0,35% a 25.510 punti). La Borsa italiana ha così archiviato una settimana altalenante con un bilancio positivo (+1,16%) mentre da inizio anno il consuntivo è un +15% circa.

Sul fronte macro la giornata non riserva dati di spicco.

Da monitorare la situazione Covid con i nuovi allarmi relativi alla cosiddetta variante delta del virus.

I future Usa trattano questa mattina poco sopra la parità.

A Tokyo intanto il Nikkei ha chiuso con un -0,06% a 29.048 punti.

Sul forex, l’euro/dollaro consolida a 1,1920; il petrolio è poco mosso con il Brent a 76 dollari e il Wti a 74 dollari al barile.

Wall Street ha chiuso venerdì sera mista: Dow Jones +0,69% a 34.433 punti, S&P 500 +0,33% a 4.280 punti, Nasdaq -0,06% a 14.360 punti.

Borsa italiana oggi: le azioni in primo piano

Sulla Borsa di Milano, possibili spunti su Banco Bpm dopo l’accordo con Covéa sulla bancassicurazione, che consente alla banca di risolvere la partnership allineando i tempi all’uscita già prevista per l’alleanza con Cattolica. La mossa, per quanto attesa, potrebbe riaccendere l’appeal speculativo alla luce di possibili aggregazioni per Banco Bpm, soprattutto con Bper il cui primo azionista è Unipol. Intanto Standard Ethics ha alzato il Corporate Rating di Banco Bpm dal precedente EE- a EE. La banca fa parte dello SE Italian Index e dello SE Italian Banks Index.

Riflessioni geopolitiche invece per il ceo di Intesa Sanpaolo, Carlo Messina, secondo cui “i finanziamenti europei e i piani di rilancio dell’economia per superare la crisi provocata dall’emergenza sanitaria rappresentano per l’Europa una occasione unica: restare il terzo blocco al vertice della geopolitica internazionale insieme agli Stati Uniti e alla Cina. Se non andrà così, l’Unione europea sarà destinata ad avere un ruolo sempre più marginale. Il finale di partita sarebbe già scritto”, ha detto il manager in un’intervista al Sole 24 Ore.

Riassetto in vista per Pirelli. Secondo quanto ha scritto il Sole 24 Ore, la Longmarch della famiglia cinese Niu si appresta a entrare nell’azionariato della Camfin con una quota intorno al 30%, conferendo il 4% di Pirelli parte del suo 7,68% acquisito lo scorso anno attraverso un repurchase agreement. Camfin salirà così al 14,1% di Pirelli. L’operazione, secondo le indiscrezioni si perfezionerà entro ottobre.

Occhi puntati su Salvatore Ferragamo che annuncia stamani in una nota di aver raggiunto un accordo con Marco Gobbetti “per il suo ingresso nella Salvatore Ferragamo S.p.A. in qualità di Direttore Generale e Amministratore Delegato”. Gobbetti, attuale ceo di Burberry, già amministratore delegato di Moschino, ha speso 13 anni nel gruppo LVMH dove ha ricoperto il ruolo di Ceo di Givenchy e di Celine. “Marco Gobbetti assumerà l’incarico non appena libero dai suoi obblighi contrattuali. Un Consiglio di Amministrazione straordinario della Salvatore Ferragamo S.p.a. è previsto per giovedì 1 luglio 2021 per gli adempimenti necessari”.

Fra le raccomandazioni di Borsa, gli analisti di Morgan Stanley hanno alzato il target price su Moncler da 52 a 55 euro, confermando il rating equal-weight.

Dopo i recenti successi Webuild evidenzia in una nota che è di 8 miliardi di euro il valore consolidato delle aggiudicazioni, dei contratti in corso di finalizzazione e di quelli in cui il gruppo risulta il miglior offerente dall’inizio del 2021. Il focus è “in Italia, Australia e Svizzera”. A questi si aggiunge il mega-contratto firmato per la linea ad alta velocità in Texas del valore di 16 miliardi di dollari (13,1 miliardi di euro).

mediobanca trimestrale 27-10-2021 — 02:22

Mediobanca: trimestrale batte attese, no comment di Nagel su battaglia Generali

Commissioni record. Anche l’outlook è positivo, confermata la politica dei dividendi

continua la lettura