Mer 24 Aprile 2019 — 13:00

Mps: maxi cessioni di Npl per 3,5 miliardi



La banca annuncia diverse operazioni. Portafoglio di inadempienze probabili (Utp) ridotto in un anno di circa 1,9 miliardi, oltre gli obiettivi del piano

Mps news

Mps resta negativa in Borsa, pur contenendo i danni rispetto al resto del comparto, dopo l’annuncio del completamento di cessioni di crediti non performing per complessivi 3,5 miliardi. Nel fine settimana la banca aveva inoltre raggiunto un accordo con i sindacati su 650 esuberi.

Più in dettaglio, Banca Monte dei Paschi di Siena ha sottoscritto accordi vincolanti per la cessione diun portafoglio di complessivi 2,2 miliardi di euro di crediti unsecured non performing di piccolo importo e consumer credit (cosiddetto “Progetto Merlino”).

Gli acquirenti del portafoglio, suddiviso in 4 differenti clusters in base al tipo di credito e/o agli importi delle singole esposizioni sono Ifis Npl (Clusters Small e Consumer), Credito Fondiario e Fire (Cluster Mid) e Balbec Capital LP (Cluster Large).

Inoltre è stato ceduto un portafoglio di 0,9 miliardi di euro di sofferenze leasing (cosiddetto “Progetto Morgana”), rilevato da Bain Capital Credit.

Infine Mps deconsolida un portafoglio di 0,4 miliardi di euro di inadempienze probabili (“Progetto Alfa 2”). Con questa operazione – spiega una nota – Mps realizza, nel 2018, una riduzione complessiva delle inadempienze probabili (Utp) di circa 1,9 miliardi di euro e supera l’obiettivo annuo previsto nel piano di 1,5 miliardi.

Tutto il programma di cessioni sarà fattorizzato nel bilancio 2018 “con un marginale impatto a conto economico”. Merlino e Alfa 2 sono state perfezionate nel 2018 mentre Morgana lo sarà nel corso del 2019.

La conclusione di queste operazioni, in aggiunta alla cessione di sofferenze per circa 24 miliardi di euro perfezionatasi lo scorso giugno, secondo Mps “rappresenta un importante passo avanti nel processo di derisking previsto dal Piano di Ristrutturazione 2017-2021 e nel rispetto degli impegni presi con la Commissione Europea”.

A seguito di queste operazioni, il Gross NPE ratio proforma di Banca Mps al 30/09/2018 è pari a circa il 16%.

In Borsa alle ore 9,46 le azioni Mps segnano -1,44% a 1,474 euro, con il Ftse Italia Banche a -2,6%.

Eni news 24-04-2019 — 10:53

Eni, primo trimestre previsto in crescita

Il gruppo dovrebbe chiudere i primi tre mesi dell’anno con un utile operativo adjusted di 2,53 miliardi dai 2,38 miliardi del primo trimestre 2018, con il contributo decisivo come sempre dell’esplorazione & produzione

continua la lettura