Mer 24 Aprile 2019 — 12:58

Mps: 650 esuberi e 50 nuove assunzioni



Il piano prevede un totale di 4.800 esuberi al 2021 per mezzo del Fondo di solidarietà di settore

Mps news

Azioni Mps incerte nei primi scambi in Borsa del 2019 dopo l’accordo in tema di esuberi firmato dalla banca di Siena con i sindacati, mentre è stata annunciata stamani anche un’articolata operazione con cui sono stati ceduti Npl per 3,5 miliardi.

L’intesa scaturisce dal piano di ristrutturazione concordato con la Ue per il salvataggio di Mps e prevede ora una nuova tranche di 650 esodi, tutti volontari, entro aprile 2019.

La notizia è stata resa nota dai sindacati Fabi, First Cisl, Cgil Fisac, Uilca e Unisin. Le nuove uscite si aggiungono alle 1.800 del 2017. Il piano prevede un totale di 4.800 esuberi al 2021 per mezzo del Fondo di solidarietà di settore.

L’accordo contiene fra l’altro alcuni vantaggi per i dipendenti fra cui il ripristino della base di calcolo per il Tfr del contributo aziendale alla previdenza complementare, in precedenza congelati.

Sempre in base all’intesa, il Monte dei Paschi dovrebbe riprendere le assunzioni con 50 lavoratori che saranno addestrati e inseriti per lo sviluppo della rete commerciale.

Alle ore 9,18, dopo un partenza positiva, la quotazione di Mps segna alle ore 9,18 un -0,94% a 1,4815 euro, limitando i danni comunque rispetto al Ftse Italia Banche che scivola del 2,4%.

Eni news 24-04-2019 — 10:53

Eni, primo trimestre previsto in crescita

Il gruppo dovrebbe chiudere i primi tre mesi dell’anno con un utile operativo adjusted di 2,53 miliardi dai 2,38 miliardi del primo trimestre 2018, con il contributo decisivo come sempre dell’esplorazione & produzione

continua la lettura