Finanzareport.it | Mps, il Tesoro potrebbe cedere il 10-15% - Finanza Report

Mer 24 Aprile 2024 — 19:09

Mps, il Tesoro potrebbe cedere il 10-15%



Secondo ipotesi delle banche d’affari il Mef potrebbe lanciare un collocamento accelerato se il titolo dovesse superare la soglia di 2,7 euro

mps dividendo

Le azioni Mps provano a ripartire all’indomani di una seduta negativa nonostante la trimestrale migliore delle previsioni. Questa mattina un quotidiano rilancia l’ipotesi di una vendita di quote azionarie da parte del Tesoro, citando ipotesi provenienti dal mondo delle banche d’affari.

Secondo tale ipotesi, se il titolo dovesse superare la soglia di 2,7 euro, il Tesoro potrebbe cedere sul mercato entro fine anno una quota compresa tra il 10 e il 15% tramite accelerated bookbuilding (collocamento accelerato). Lo scrive oggi MF-Milano Finanza.

Il Mef, protagonista di un salvataggio della banca nel 2017 (con burden sharing, cioè con il coinvolgimento degli investitori) detiene attualmente il 64% del Monte dei Paschi di Siena.

La scelta di collocare una quota del 10-15% di Mps avrebbe una doppia finalità per il Tesoro. Da un lato gli consentirebbe di incassare un capital gain su un investimento rimasto a lungo in perdita; dall’altro lato potrebbe
facilitare il matrimonio tra il Monte e un’altra banca italiana.

Secondo la ricostruzione di stampa, il socio pubblico diluendosi preventivamente infatti ridimensionerebbe una delle obiezioni dei banchieri, che finora hanno guardato con forte perplessità alla nascita di un gruppo a capitale pubblico-privato.

Tali obiezioni sarebbero condivise anche dai vertici e da alcuni azionisti di Banco Bpm. Tuttavia anche ieri l’istituto di Piazza Meda ha escluso l’ipotesi di prossime fusioni/acquisizioni.

Ma la partita è aperta e il pressing dello Stato nei prossimi mesi è destinato a continuare.

In Borsa alle ore 9,04 dopo i primissimi scambi le azioni B.Mps segnano +1,42% a 2,147 euro.

sanlorenzo borsa 24-04-2024 — 03:44

Raccomandazioni dei broker del 24 aprile 2024

Anche oggi diversi titoli di società italiane finiscono sotto la lente delle banche d’affari

continua la lettura
Telegram Finanza Report