Mer 08 Dicembre 2021 — 13:12

Assicurazioni online: come puntare al risparmio grazie ai preventivi



Il mercato è ricco di opportunità ed offerte e può non essere semplice per l’utente destreggiarsi fra le varie alternative messe a disposizione dalle compagnie

assicurazioni online

Il mercato delle assicurazioni è ricco di opportunità ed offerte e può non essere semplice per l’utente destreggiarsi fra le varie alternative messe a disposizione dalle compagnie. Con l’avvento del digitale, poi, le opzioni si sono moltiplicate, tanto che spesso il consumatore non riesce a stabilire quale possa essere l’assicurazione più conveniente per le sue esigenze.

Fortunatamente, esistono dei servizi che si occupano di confrontare le polizze proposte dalle case assicurative e, sulla base delle indicazioni fornite dall’utente, presentano una selezione delle migliori, sia in termini di prezzo che di affidabilità.

Per conoscere i preventivi delle diverse polizze disponibili al momento, è possibile rivolgersi a portali di comparazione come, ad esempio, 6sicuro.it che permette di confrontare in modo semplice, veloce e gratuito decine e decine di offerte assicurative.

Fra i vari punti di forza di 6sicuro.it spicca sicuramente l’affidabilità: con più di vent’anni di esperienza nel settore, garantisce un servizio trasparente e senza sorprese ai cittadini che vi si affidano.

Come funziona il confronto fra i preventivi

Richiedere vari preventivi alle assicurazioni, per poi confrontarli con calma per scegliere il più conveniente può rivelarsi una pratica che richiede un bel po’ di tempo; utilizzando un servizio di comparazione online, invece, il tutto è molto più veloce perché in pochi click si possono avere sotto mano numerose proposte. La procedura è molto semplice: per avvalersi del servizio offerto da 6sicuro, occorre inserire prima alcuni dati personali assolutamente necessari per il calcolo del preventivo come, ad esempio, il sesso, la data e il luogo di nascita.

Poi, il comparatore chiederà se il veicolo (o la moto) da assicurare è già in possesso dell’utente o se è ancora da acquistare: nel primo caso bisognerà inserire il numero di targa, nel secondo, indicare se la si conosce già oppure no. Vanno poi inseriti alcune informazioni riguardanti il mezzo, come il mese e l’anno di immatricolazione, il modello, la marca, l’anno d’acquisto, il tipo di carburante utilizzato, la cilindrata, se utilizza un impianto a GPL oppure a metano.

Il sistema prevede poi di indicare il numero di auto presenti all’interno del nucleo famigliare, una stima dei km percorsi dal veicolo durante l’anno, la tipologia di antifurto montato, qual è l’uso principale del mezzo (tempo libero, tragitto casa-lavoro) e le caratteristiche del luogo in cui lo si parcheggia: se si posteggia la macchina o la moto all’interno di un box privato, ad esempio, il premio assicurativo sarà ovviamente differente rispetto a lasciare il veicolo in strada tutte le notti.

Una volta completato il form indicando i dati relativi a chi sarà l’intestatario della polizza (numero di telefono, e-mail, nome e cognome) il comparatore restituirà una serie di offerte che sarà poi possibile valutare in autonomia.

Il vantaggio di confrontare vari preventivi

Confrontare diversi preventivi elaborati da compagnie differenti è fondamentale per risparmiare perché non tutte le compagnie offrono le stesse condizioni contrattuali e allo stesso costo.

Ecco perché, prima di firmare un contratto, è necessario prendersi del tempo per valutare le varie proposte avendo cura di leggere con attenzione anche la cosiddetta nota informativa e le condizioni di contratto.
Oltre a risparmiare denaro, poi, il vantaggio di utilizzare un comparatore online riguarda anche la rapidità con la quale è possibile concludere questa operazione: in pochi click e una decina di minuti, il servizio sarà in grado di fornire le proposte elaborate dalle compagnie assicurative con i relativi costi aggiornati.

intesa cattolica 08-12-2021 — 10:20

Intesa Sanpaolo, ok al contratto integrativo

Accordo con i sindacati sull’armonizzazione per i dipendenti ex Ubi

continua la lettura