Mar 22 Ottobre 2019 — 14:43

Mediobanca: Del Vecchio si prende quota del 7%, obiettivo Generali?



Piazzetta Cuccia torna sotto i riflettori assieme alla catena che la lega al gruppo assicurativo di Trieste

Del Vecchio mediobanca generali

Mediobanca torna sotto i riflettori, assieme alla catena che la lega a Generali, dopo l’ingresso della Delfin di Leonardo Del Vecchio con un quota del 7% nel capitale di Piazzetta Cuccia.

Del Vecchio, Mediobanca e le Assicurazioni Generali

Il patron di Luxottica, che ha anche il 4,9% delle Assicurazioni Generali, è divenuto così il terzo maggiore azionista di Mediobanca dopo Unicredit (8,8%) e Vincent Bolloré (7,8%).

Mediobanca, si ricorda, ha il 13% del gruppo assicurativo di Trieste.

Solo nei mesi scorsi Del Vecchio si era reso protagonista di un rafforzamento nel capitale di Generali, nel quadro della cosiddetta cordata italiana assieme a Francesco Gaetano Caltagirone (attivo fino a portarsi sopra il 5%) e alla famiglia Benetton (intorno al 4%, ma anche a circa il 2% di Mediobanca).

Cordata tricolore

Una voglia di far sentire il proprio peso, da parte del gruppo di investitori, che si era tuttavia scontrata nella scorsa primavera con la scelta di Mediobanca di compilare in autonomia la lista per il rinnovo del cda di Generali, in particolare escludendo i Benetton che votarono poi per la lista di Assogestioni.

Caltagirone stigmatizzò la decisione di Mediobanca, trovando l’appoggio per quanto discreto di Leonardo Del Vecchio. Mediobanca fece capire però che eventuali accordi avrebbero sollevato il sospetto di azioni di concerto e quindi il rischio di dover promuovere
un’opa.

Del Vecchio: crediamo in Mediobanca

La prima ragione della puntata su Mediobanca, o meglio quella messa nero su bianco dall’imprenditore di Agordo, è comunque legata alla fiducia nel gruppo guidato da Alberto Nagel. “L’investimento rappresenta per Delfin un’ottima opportunità per la qualità, la storia e le potenzialità di crescita di Mediobanca in Italia e all’estero. Siamo un azionista di lungo periodo e daremo il nostro sostegno per accelerare la creazione di valore a vantaggio di tutti gli stakeholder”, ha detto Del Vecchio in una nota.

Quanto alle prossime scadenze, il 28 ottobre si terrà l’assemblea di Mediobanca. Il 12 novembre sarà invece presentato il nuovo piano industriale firmato Nagel, che potrebbe rivedere l’intenzione annunciata negli anni scorsi a più riprese di scendere dal 13% al 10% di Generali.

Si valuta infine da chi avrebbe potuto acquistare Del Vecchio la quota del 7%, oltre che sul mercato, con i sospetti che riguardano soprattutto Unicredit (alleata nella partita sullo Ieo, di cui Piazzetta Cuccia è primo azionista con oltre il 25%).

Intanto in Borsa alle ore 10,56 le azioni Mediobanca scambiano in rialzo con un +1,37% a 9,648 euro; Generali +0,66% in linea con il Ftse Mib.

Borsa italiana trimestrali 22-10-2019 — 02:29

Trimestrali entrano nel vivo su Borsa italiana con Saipem, Moncler, Stm, Eni, Mediobanca

Gli operatori si stanno posizionando anche alla luce di questi eventi e delle previsioni degli analisti sui conti del terzo trimestre 2019

continua la lettura