Mer 02 Dicembre 2020 — 16:23

Webuild: due contratti in Oman per Fisia Italimpianti



Commesse per la progettazione, fornitura e costruzione di due impianti di dissalazione del valore complessivo di circa 330 milioni di dollari

webuild fisia italimpianti

Doppia aggiudicazione in Oman per Webuild che, tramite la controllata Fisia Italimpianti, ottiene due nuovi contratti per la progettazione, fornitura e costruzione di due impianti di dissalazione del valore complessivo di circa 330 milioni di dollari.

Entrambi gli impianti sorgeranno a nord di Muscat, nella costa settentrionale del Paese che si affaccia sul Golfo dell’Oman, e serviranno l’area intorno alla capitale. Assegnati dal cliente finale Oman Power & Water Procurement (Opwp), Fisia Italimpianti realizzerà gli impianti di dissalazione a osmosi inversa di Ghubrah 3 IWP, da 300.000 metri cubi di produzione di acqua al giorno, e di Barka 5 IWP, produzione di 100.000 metri cubi al giorno, in joint venture al 50% con GS Inima.

I lavori si concluderanno nell’arco di tre anni e, una volta completato, l’impianto di Ghubrah 3 sarà il più grande impianto di dissalazione costruito in Oman.

Gli impianti di Barka 5 e di Ghubrah 3 rafforzano la presenza della società in Oman, “contribuendo al raggiungimento degli obiettivi di sostenibilità ambientale, affrontando il problema della scarsità di acqua che caratterizza il Paese, anche a causa del clima desertico”.

L’ingresso in Oman di Fisia Italimpianti, appartenente al gruppo Webuild (ex Salini Impregilo) è iniziato alla fine del 2017, con l’aggiudicazione del progetto di Salalah, un altro impianto di dissalazione ad osmosi inversa da 113.500 metri cubi al giorno, impianto oggi in via di ultimazione, che fornirà acqua potabile alla città di Salalah, sulla sponda sud-occidentale dell’Oman.

Intanto in Borsa alle ore 14,42 azioni Webuild in buon rialzo con un +3% a 1,27 euro.

azioni Eni 02-12-2020 — 11:39

Azioni Eni, analisti Jp Morgan alzano target price ma restano cauti

Per il broker la ripresa della domanda sarà probabilmente irregolare, ma un “super ciclo” per il settore è all’orizzonte

continua la lettura