Ven 27 Maggio 2022 — 15:02

Webuild completa acquisizione di Cossi Costruzioni e valuta singoli asset di Cmc



La cooperativa di Ravenna avrebbe offerto all’ex Salini Impregilo l’acquisto di alcuni cantieri internazionali

webuild astaldi

Webuild ha completato l’acquisizione di Cossi Costruzioni. Tornano intanto le voci su possibili affari con Cmc, dopo che la cooperativa di Ravenna avrebbe offerto all’ex Salini Impregilo l’acquisto di alcuni cantieri internazionali.

Webuild intanto ha finalizzato l’acquisizione di Cossi Costruzioni, gruppo specializzato nel tunnelling e attivo nel settore delle manutenzioni stradali in Italia e all’estero.

In particolare, Webuild ha rilevato la partecipazione di Banca Popolare di Sondrio e Liri (famiglia Cossi), titolari di una quota del 18,25% ciascuna in Cossi Costruzioni.

L’operazione era prevista nell’accordo di investimento e nel patto parasociale stipulato tra le parti a marzo 2019, nell’ambito dell’operazione di acquisizione da parte di Webuild del 63,5% della società.

Cossi Costruzioni, attiva nel settore pubblico e privato, ha forte radici nel territorio valtellinese, opera principalmente in Italia e in Svizzera e impiega oltre 100 dipendenti.

Tra le opere più significative realizzate dal Gruppo Cossi ci sono il ripristino del Traforo del Monte Bianco e la realizzazione della nuova statale 38 Variante di Morbegno in Valtellina.

L’acquisizione di Cossi Costruzioni va a consolidare il già rilevante expertise del Gruppo Webuild nel settore tunnelling, forte di un track record che include lo scavo di circa 2.400km di gallerie.

Il maxi-polo delle costruzioni potrebbe comunque ampliarsi ancora, anche se non con una vera e propria aggregazione.

Secondo indiscrezioni di stampa, Cmc Ravenna avrebbe bussato alla porta di Webuild per sottoporre al gruppo la possibilità di rilevare una serie di asset composti da alcuni cantieri internazionali. Lo scrive oggi MF-Milano Finanza. Una simile operazione consentirebbe fra l’altro alla società cooperativa romagnola di reperire risorse da utilizzare per proseguire con il piano di concordato in continuità omologato a fine maggio 2020.

Non sono note le attività potenzialmente oggetto di trattiva. Il piano di salvataggio di Cmc Ravenna prevede comunque di dare priorità alla cessione di partecipazioni negli Stati Uniti, quindi il 66,6% di DiFazio Industries Inc e probabilmente la LM Heavy Civil Construction (di cui detiene il 100%), mentre dovrebbero essere mantenute le attività, considerate molto redditizie, di Cmc Africa Austral Lda, maggiore impresa di costruzioni in Mozambico con circa 3.000 dipendenti e un fatturato di circa 100 milioni e una presenza anche in Malawi, Angola, Sudafrica.

Si guarda inoltre a una serie di immobili ancora da sviluppare e altri di tipo industriale che paiono non essere più funzionali all’impresa.

In Borsa il titolo Webuild tratta oggi debole in una giornata di attesa sui mercati internazionali per le decisioni
della Fed: alle ore 11,22 le azioni segnano -1,11% a 1,61 euro.

autogrill aumento di capitale 27-05-2022 — 09:37

Fusione Autogrill Dufry, le banche accelerano sull’operazione

Nuovi rumors, l’obiettivo è creare il leader europeo del settore. Il titolo avanza a Piazza Affari

continua la lettura