Lun 09 Dicembre 2019 — 09:52

Vandelli (Bper) rilancia dossier fusione, cita Banco Bpm, Ubi e Mps



“Abbiamo fatto un buon lavoro, in termini di crescita e riduzione dei rischi legati ai crediti difficili: a questo punto riteniamo di essere interlocutori importanti di un processo di razionalizzazione”

bper fusione

Bper rispolvera il dossier di una possibile fusione. L’ad Alessandro Vandelli in un’intervista a Repubblica ha parlato infatti apertamente di un ruolo da protagonista nella prossima fase di consolidamento, citando gli altri istituti potenzialmente coinvolti nel nuovo risiko bancario, cioè Banco Bpm, Ubi e Mps.

Bper, Vandelli rilancia ipotesi fusione

Bper, che ha integrato nei mesi scorsi Unipol Banca, non intende quindi restare ferma. Recentemente era spuntata l’ipotesi di una possibile fusione con Banco Bpm, anche se quest’ultima pare essere di fatto la promessa sposa di Ubi Banca.

Più incerto il futuro di Mps, appeso a una potenziale operazione di pulizia degli Npl che Roma sta trattando con la Ue, non senza difficoltà.

“Le banche potenzialmente coinvolte non sono molte: Banco Bpm, Ubi, Bper e Mps. Noi – ha spiegato Vandelli – abbiamo fatto un buon lavoro, in termini di crescita e riduzione dei rischi legati ai crediti difficili: a questo punto riteniamo di essere interlocutori importanti di un processo di razionalizzazione”.

Alla domanda se il 2020 sarà l’anno di qualche operazione importante, Vandelli risponde: “C’è un’accelerazione in questa direzione; poi, trattandosi di operazioni complesse, i tempi di realizzazione possono essere anche lunghi. Non ci sono solo le considerazioni economiche, ma anche i ragionamenti sulla governance, sugli equilibri complessivi”.

Bper corregge il Cet1

Da segnalare intanto che dopo le “usuali interlocuzioni con la Bce”, Bper ha indicato che il Common Equity Tier 1 ratio Phased al 30 settembre «non può formalmente includere il badwill derivante dall’acquisizione di Unipol Banca, pari a circa 354 milioni, essendo ancora in corso il processo di Purchase Price Allocation.

Il contributo sarà pertanto incorporato a completamento del processo, atteso entro dicembre, mentre al 30 settembre il Cet1 Phased si attesta al 13,23% (14,24% incluso il badwill provvisorio) “ampiamente sopra il requisito Srep fissato dalla Bce al 9%”. Il Tier 1 ratio Phased si attesta al 13,66% e il Total Capital ratio Phased in al 16,22%.

In Borsa alle ore 11,34 le azioni Bper segnano +0,75% a 4,321 euro.

borsa italiana oggi 09-12-2019 — 08:13

Borsa italiana oggi: Unicredit, Mps, Mediaset

L’apertura delle Borse europee è attesa oggi marginalmente negativa

continua la lettura