Lun 18 Febbraio 2019 — 02:05

Unicredit rende noto lo Srep: ben al di sopra dei dettami Bce



Le ultime raccomandazioni della Bce sulla copertura degli npl avranno un impatto “a una sola cifra in termini di punti base, sul suo Cet1”

Unicredit news

Unicredit ha reso note stamane le richieste della Bce sui requisiti patrimoniali 2019 a conclusione del processo annuale di revisione e valutazione prudenziale (“Supervisory Review and Evaluation Process – SREP”).

Unicredit, i requisti Srep 2019 dettati dalla Bce

Unicredit in particolare dal primo marzo dovrà rispettare i seguenti requisiti patrimoniali su base consolidata:
10,07 per cento CET1 ratio; 11,57 per cento Tier 1 ratio; 13,57 per cento Total Capital ratio.

Tutti i coefficienti patrimoniali, precisa la banca di Piazza Gae Aulenti, sono comprensivi dei seguenti buffer di capitale da soddisfare tramite Cet1: requisito di Pillar 2 (P2R) del 2%, riserva di conservazione del capitale (CCB) del 2,5%, riserva per gli enti a rilevanza sistemica globale (G-SII) del 1% e riserva di capitale anticiclica (CCyB)1 dello 0,07%.

Al 31 dicembre 2018, i coefficienti patrimoniali di Unicredit su base consolidata sono 12,13 per cento Cet1 ratio transitorio (12,07 per cento su base fully loaded); 13,64 per cento Tier 1 ratio transitorio; 15,80 per cento Total Capital ratio transitorio.

Unicredit: impatto a 1 cifra da raccomandazioni Bce su Npl

Le ultime raccomandazioni della Bce sulla copertura degli npl, fa sapere inoltre Unicredit, avranno un impatto “a una sola cifra in termini di punti base, sul suo Cet1”.

Come già annunciato il 16 gennaio scorso, Unicredit “ritiene che il dialogo normativo con la Bce possa portare a un impatto basso, a una sola cifra in termini di punti base, sul suo Cet1 ratio in riferimento alla copertura aggiuntiva del suo stock di crediti deteriorati, per ogni anno fino al 2024, data indicata dalla Bce nella sua comunicazione”.

Fca news 15-02-2019 — 11:19

Fca bocciata da Banca Imi, il 2019 è molto impegnativo

La banca d’affari taglia raccomandazione e target price a causa delle guidance sotto le attese annunciate dai vertici aziendali in occasione della pubblicazione dei conti

continua la lettura