Mer 23 Settembre 2020 — 01:05

Unicredit, prestiti a tasso zero per medici e infermieri



Con le stesse condizioni potranno anche ottenere un finanziamento attraverso la cessione del quinto dello stipendio

unicredit prenotazione

Unicredit prosegue nelle sue iniziative per minimizzare l’impatto del coronavirus sull’economia: la banca lancia ora prestiti a tasso zero per medici e infermieri, impegnati “in prima linea” nel contrasto dell’epidemia di Covid-19. L’annuncio è arrivato nel giorno in cui l’assemblea ha approvato con il 98,88% del capitale presente il bilancio 2019, mentre resta sospesa come previsto la distribuzione di dividendi.

Unicredit, prestiti a tasso zero per medici e infermieri

Unicredit “offre al personale medico, infermieristico e agli operatori socio sanitari impegnati in prima linea negli ospedali italiani la possibilità di ottenere nuova liquidità a tasso zero”.

In particolare, coloro che ne faranno richiesta, entro il 31 dicembre 2020, potranno ottenere prestiti personali fino a 30 mila euro, rimborsabili in un periodo massimo di 84 mesi, senza interessi e senza spese di istruttoria. La richiesta di prestiti Unicredit, per i clienti della banca, è attivabile in modalità semplificata da remoto attraverso i canali digitali della banca, senza necessità di recarsi personalmente in filiale.

Cessione del quinto

La banca offre inoltre per le stesse categorie di dipendenti del settore pubblico, la possibilità di richiedere un finanziamento attraverso la cessione del quinto dello stipendio, sempre a tasso zero e senza spese d’istruttoria e commissioni d’intermediazione, rimborsabili in un periodo massimo di 120 mesi.

Questa nuova iniziativa, conclude la banca, “si aggiunge a quelle già messe in campo da Unicredit nelle ultime settimane per supportare le comunità, i clienti e i colleghi nella lotta contro Covid-19”.

mps unicredit 22-09-2020 — 10:50

Mps bussa a Unicredit, ma per ora porta chiusa

Il titolo della banca milanese è comunque debole a Piazza Affari dopo una bocciatura da parte di Credit Suisse

continua la lettura