Mar 26 Gennaio 2021 — 09:10

Unicredit, il Tesoro pronto a comprare 20 miliardi di crediti deteriorati pur di cedere Mps



Amco, controllata al 100% dal Mef, potrebbe rilevare anche inadempienze probabili. Da superare il veto dei soci di Piazza Gae Aulenti guidati da Del Vecchio

startup unicredit

Non si placano le indiscrezioni sull’affaire Unicredit-Mps-Tesoro: secondo gli ultimi rumors di stampa, il socio pubblico del Monte dei Paschi sarebbe pronto a comprare qualcosa come 20 miliardi di crediti deteriorati pur di cedere la banca senese, venendo fra l’altro incontro alle richieste europee.

Il Mef non sembra quindi disposto ad arretrare nel pressing su Unicredit, nonostante i dubbi manifestati da alcuni soci si Piazza Gae Aulenti a partire da Leonardo Del Vecchio.

Secondo il Messaggero, il Tesoro sarebbe disponibile a inserire nell’operazione l’acquisto di ben 20 miliardi di crediti deteriorati, dai 14 miliardi già ipotizzati, aggiungendo anche crediti Utp (unilkely to pay o inadempienze probabili).

I crediti sarebbero acquistati dalla Amco del Tesoro. In questo modo Unicredit secondo tale ipotesi avrebbe un beneficio di capitale di 1,6 miliardi.

Una tale mole di esposizioni deteriorate cedute corrisponderebbe alla quasi totalità degli Npe di Unicredit. Al terzo trimestre del 2020 infatti la banca registrava circa 10 miliardi di Npl e 12 miliardi di Utp, sottolineano gli analisti di Equita.

“Se l’indiscrezione fosse confermata – spiegano alla Sim milanese – la combined entity UniCredit-Mps avrebbe un Npe ratio pro-forma di circa l’1%. La cessione di Npe, combinata al rafforzamento patrimoniale da 2,5 miliardi e la conversione di 2,5 miliardi di Dta di Mps aumenterebbe in maniera significativa le probabilità dell’acquisizione” da parte di Unicredit.

Intanto secondo altre indiscrezioni, Mps avrebbe inoltre ottenuto da Sace il rilascio di una garanzia su un portafoglio di crediti performing per un ammontare massimo pari a circa 670 milioni. “La garanzia – commenta Equita – permetterebbe un rilascio immediato di Rwa stimato in 400 milioni, con un impatto positivo sul Cet1 che stimiamo pari a circa 10 punti base, senza considerare il costo della garanzia”.

In Borsa alle ore 11,34 le azioni Unicredit segnano +1,97% a 8,19 euro; banca Mps +0,71% a 1,138 euro.

Borsa italiana oggi 26-01-2021 — 08:31

Borsa italiana oggi: Banco Bpm, Saipem, Tenaris

L’apertura delle Borse europee è attesa oggi nuovamente debole

continua la lettura