Finanzareport.it | Unicredit corre in Borsa, primo trimestre 2023 è record - FinanzaReport News

Mer 21 Febbraio 2024 — 23:25

Unicredit corre in Borsa: primo trimestre 2023 è record, analisti positivi



Numeri ben superiori alle attese degli analisti che consentono al gruppo di alzare la guida sul 2023 che prevede ora una maggiore distribuzione agli azionisti

unicredit g sib

Unicredit in gran spolvero stamattina a Piazza Affari dopo i risultati del primo trimestre 2023 che per la banca rappresentano il miglior primo trimestre di sempre. Positive anche le prime indicazioni degli analisti (più sotto nell’articolo).

Unicredit, primo trimestre 2023

Unicredit ha archiviato il primo trimestre 2023 con un utile netto “monstre” di 2,06 miliardi, su ricavi totali in progresso del 18,3% a 5,9 miliardi (5,8 miliardi i ricavi netti) di cui 3,3 miliardi di margine d’interesse e 2 miliardi in commissioni. Costi operativi a 2,3 miliardi (-0,6%), per un rapporto cost/income sceso sotto quota 40%, al 39,2%. Sul fronte patrimoniale, Cet1 ratio di Gruppo al 16,05%.

Andrea Orcel

Andrea Orcel, ceo Unicredit

I numeri della trimestrale Unicredit sono ben superiori alle previsioni del consensus degli analisti e permettono all’istituto guidato da Andrea Orcel di migliorare le stime sull’anno in corso. La guidance 2023 viene pertanto migliorata e prevede fra l’altro un utile netto di oltre 6,5 miliardi e distribuzione maggiore o uguale a 5,75 miliardi, fra dividendi e buyback, “che fissa una nuova base di riferimento per il 2023 e oltre”, spiega Piazza Gae Aulenti.

In particolare la guidance Unicredit 2023 di un utile netto di oltre 6,5 miliardi si confronta con la stima precedente di un risultato in linea con il 2022 (5,2 miliardi o 5,6 miliardi su basi comparabili); il target di distribuzione agli azionisti sale a maggiore o uguale a 5,75 miliardi dai precedenti 5,25 miliardi; il target di ricavi aumenta a oltre 20,3 miliardi da oltre 18,5, con margine di interesse a oltre 12,6 miliardi da oltre 11,3 miliardi. Il Rote è atteso al 15% circa.

Orcel e le fusioni

L’amministratore delegato Andrea Orcel ha sottolineato che “per il nono trimestre consecutivo” Unicredit ha “conseguito risultati finanziari eccellenti”, inoltre “stiamo compiendo progressi significativi nell’esecuzione del piano strategico e siamo nella seconda fase della nostra trasformazione industriale”. “Pur rimanendo vigili, siamo anche fiduciosi di poter continuare a garantire, per il futuro prossimo, una crescita della redditività costante e di elevata qualità, con una base costi e costo del rischio strutturalmente ridotti”.

Immancabili in conference le domande in tema M&A al ceo Orcel, soprattutto dopo ri nuovi rumors su una possibile fusione Unicredit Banco Bpm, mentre viene talvolta rispolverata l’ipotesi Mps, già respinta dopo due diligence. Questa la sua risposta: “Considerate le performance che abbiamo ottenuto e quelle attese vediamo molto più valore nel ricomprare le nostre azioni a questo livello che di fare qualunque M&A”. Le acquisizioni sono “uno strumento per generare valore e la banca userà lo strumento che conviene di più. Ci sono una serie di opportunità e un certo numero di target sono spinti dalla speculazione e non hanno senso”, ha detto Orcel, precisando che se le condizioni dovessero cambiare in futuro la banca potrà esaminare le opzioni, “ma al momento la situazione
è quella che è”.

Fra i primi commenti a caldo dei broker, per gli analisti di Equita, Unicredit ha riportato conti del primo trimestre 2023 “ampiamente superiori alle attese”, mentre Intermonte sottolinea i “risultati positivi soprattutto dal.punto di vista della capacità della società di generare capitale” Gli esperti notano inoltre che al momento il consensus è inferiore del 20% alla nuova guidance sugli utili 2023. Da parte sua Jp Morgan conferma la raccomandazione overweight con target price di 24 euro, sottolineando che la banca ha fatto “molto bene” sul fronte del margine d’interesse e di minori accantonamenti per rischi, e ha alzato la guidance; per Goldman Sachs è buy con prezzo obiettivo a 26 euro; stessa raccomandazione da Ubs con target a 25,80 euro, anche se “la banca italiana ha chiaramente superato le aspettative e ha notevolmente alzato le sue prospettive”.

In Borsa alle ore 9,54 le azioni Unicredit segnano +6,45% a 18,762 euro.

trading online raccomandazioni 21-02-2024 — 03:55

Raccomandazioni dei broker del 21 febbraio 2024

Ecco le principali indicazioni odierne dei broker

continua la lettura
Telegram Finanza Report