Dom 19 Settembre 2021 — 06:38

Unicredit anticipa conti trimestrali, ma ipotesi rinvio piano



Il titolo consolida in Borsa scontando anche prese di beneficio dopo i recenti rialzi sulla scia delle raccomandazioni positive dei broker

unicredit nuovo ceo

Le azioni Unicredit consolidano oggi in Borsa, scontando le voci su un rinvio del piano strategico firmato dal nuovo ceo Andrea Orcel.

Inoltre il titolo sconta prese di beneficio dopo i recenti rialzi sulla scia delle raccomandazioni positive dei broker.

Intanto il nuovo ceo Andrea Orcel ha deciso di mettere mano al calendario finanziario per accelerare l’esame e la presentazione dei conti trimestrali, in linea con le best practice internazionali.

Il cda sui risultati del secondo trimestre si terrà quindi il 29 luglio (con presentazione al mercato il giorno
seguente) e non più il 4 agosto; sarà deciso un nuovo calendario anche per il terzo trimestre.

“Come azienda, uno dei principi chiave di UniCredit è la semplificazione, lo snellimento e il rafforzamento dei processi. Questa modifica delle tempistiche è un riflesso diretto delle azioni risolute intraprese in queste aree, che consente a UniCredit di comunicare i suoi risultati al mercato in tempi più efficienti”, spiega una nota.

Andrea Orcel fusione unicredit mediobanca

Andrea Orcel

Allo stesso tempo però, secondo quanto scrive oggi il Sole 24 Ore, la banca starebbe valutando un allungamento dei tempi per il nuovo piano industriale.

Inizialmente il nuovo piano Unicredit era previsto a luglio, poi a settembre, ma secondo la ricostruzione di stampa potrebbe ora vedere la luce tra fine settembre e inizio ottobre.

Da vedere se tale decisione si intersecherà o meno con il dossier Mps, su cui peraltro Orcel non ha scoperto le carte.

In Borsa alle ore 10 le azioni Unicredit segnano -0,61% a 10,734 euro, con il Ftse Mib a +0,1%, mentre è debole il comparto bancario in generale (-0,5% il Ftse Italia Banche).

unicredit ermotti 17-09-2021 — 10:25

Unicredit e Mps, si apre il capitolo esuberi

La banca milanese invoca le garanzie che furono accordate a Intesa Sanpaolo per le banche venete

continua la lettura