Mer 17 Luglio 2019 — 21:47

Tim, nuovo programma di bond per 7 miliardi



Solo nel 2019 il gruppo è chiamato a rifinanziare 3,9 miliardi di debito, di cui 2,4 miliardi di obbligazioni in scadenza. L’Agcom avvia consultazione su scorporo rete

Tim News

Il cda di Tim ha varato due nuovi programmi di emissioni di bond, rispettivamente per complessivi 4 miliardi di euro e 3 miliardi di dollari.

La decisione è stata presa dal board lo scorso 6 dicembre, ma viene rivelata stamani dal quotidiano Il Messaggero che cita un verbale notarile.

Solo nel 2019 il gruppo è chiamato a rifinanziare 3,9 miliardi di debito, di cui 2,4 miliardi di obbligazioni in scadenza.

Sulla base del nuovo programma, Tim potrà sino a fine febbraio 2020 emettere bond in euro per un ammontare massimo di 4 miliardi di euro e 3 miliardi di dollari per rifinanziare il debito in scadenza cogliendo “con prontezza eventuali finestre di mercato”.

Intanto l’Agcom, nello schema di provvedimento sul mercato dell’accesso alla rete, ha avviato una consultazione pubblica sulla proposta volontaria di Tim di scorporo della rete, sollecitando il parere degli operatori, che avranno 45 giorni di tempo per esprimersi dalla pubblicazione della delibera.

Il tema è destinato peraltro a rimanere oggetto del contendere nell’attuale scontro tra i soci Vivendi ed Elliott. Proprio domani è atteso il primo dei due cda che dovrà discutere la richiesta dei francesi di un’assemblea per sostituire cinque consiglieri espressione del fondo Usa.

L’Aggom inoltre ha disposto una stabilità del prezzo dello Slu (Sub loop unbundling), un incremento graduale di quello dell’unbundling e del rame e una riduzione tendenziale dei prezzi di accesso alla fibra.

In Borsa intanto le azioni sono le peggiori del listino principale con un calo alle ore 9,57 del 3,37% a 0,5268 euro. Il Ftse Mib cede l’1,48%.

carige news piano 17-07-2019 — 10:09

Carige, arriva nuovo piano: utile nel 2022, banca più leggera

Prevista una forte riduzione dei crediti deteriorati, al punto che l’Npe ratio lordo crollerebbe sotto il 5%

continua la lettura