Mer 23 Gennaio 2019 — 18:27

Tim, investe 680 milioni per due lotti 5G



Primi risultati nella gara bandita dal ministero dello sviluppo economico

Avvio positivo per Telecom Italia nella gara per le frequenze 5G che vede il gruppo in questi giorni sfidare gli altri operatori a colpi di rilanci.

Il ministero dello Sviluppo Economico ha aggiudicato, nell’ambito della prima parte della gara, tutti i blocchi per la banda 700 BDD per un ammontare complessivo di 2,039 miliardi di euro alla stessa Telecom Italia, vodafone e Iliad Italia (blocco riservato).

Tim in particolare si è aggiudicata con un investimento di 680 milioni di euro (importo in linea con la base d’asta fissata a 676,4 milioni) due lotti disponibili a partire dal 2022 e validi fino al 2037. Si tratta del massimo aggiudicabile per Tim in base all’attuale normativa Antitrust.

Si riprende oggi a partire dalle 10 con la fase di miglioramenti competitivi nelle altre bande di frequenze 3.6-3.8 GHz e 26.5-27.5 GHz. In corsa, oltre a Tim, anche Vodafone, Fastweb, Wind Tre e Iliad.

A proposito della gara in corso, gli analisti di Equita spiegano che “se Tim riuscirà ad aggiudicarsi il lotto da 80 MHz nella banda 3,6-3,8, l’impegno complessivo del gruppo dovrebbe risultare di almeno un miliardo, somma superiore ai 750 milioni da noi ipotizzati”. Dal momento che circa la metà della cifra dovrà essere pagata già nel 2018, Tim potrebbe mettere a bilancio quest’anno uscite attorno a mezzo miliardo. Il broker stimava invece una cifra intorno ai 375 milioni, anche se ammette che ” il maggiore esborso è legato a una maggiore disponibilità di frequenze, visto che la nostra stima si basava sull’aggiudicazione di un unico slot in area 700 MHz”. Equita ha così confermato la raccomandazione Buy con target price di 0,85 euro.

Il titolo in Borsa alle ore 10,02 segna -0,52% a 0,5306 euro con il Ftse Mib a +0,29%.

Intesa Sanpaolo news 23-01-2019 — 09:34

Intesa Sanpaolo, torna in dubbio la conferma di Gros-Pietro?

Il ruolo del presidente torna in dubbio in vista dell’assemblea di aprile. Uniche certezze sono la conferma di Messina e l’apertura del Cda a esponenti esperti di mercati esteri e fintech

continua la lettura
NOTIZIE CORRELLATEtorna alla sezione