Mer 21 Agosto 2019 — 18:53

Stm sale in Borsa dopo risultati, vede ricavi in calo nel primo trimestre



Per il gruppo dei semiconduttori risultati soddisfacenti, mentre l’attesissima guidance prevede per il primo trimestre del 2019 una diminuzione dei ricavi di poco più del 5%

STM News

Stm sotto i riflettori dopo risultati del quarto trimestre 2018 usciti migliori delle attese, mentre l’attesissima guidance prevede per il primo trimestre del 2019 una diminuzione dei ricavi di poco più del 20%.

Il colosso italo-francese dei semiconduttori ha archiviato il quarto trimestre 2018 con un utile di 418 milioni di dollari (meglio dei 327,6 milioni attesi dal consensus) su ricavi per 2,65 miliardi (anche in questo caso oltre attese degli analisti per 2,3 miliardi), con il margine operativo a 16,8%.

La società per il primo trimestre del 2019 prevede una diminuzione dei ricavi netti di circa il 20,7% su base sequenziale (pari a una flessione del 5,7% anno su anno) a 2,1 miliardi.

Il gruppo archivia il 2018 con un utile netto a 1,29 miliardi di dollari, in aumento del 60,4% rispetto all’anno precedente. I ricavi si sono attestati a 9,66 miliardi (+15,8%) ed il reddito operativo è salito a 1,40 miliardi (+39,3%).

Il presidente e ceo, Jean-Marc Chery, ha ricordato che il 2018 è stato un anno “importante” per Stmicroelectronics, “in linea con gli obiettivi che ci eravamo posti”.

Sul fronte della guidance, un tema delicato per il settore da qualche tempo a questa parte, con molti gruppi concorrenti che hanno lanciato profit warning, Chery ha spiegato: “Per il primo trimestre prevediamo ricavi per circa 2,1 miliardi di dollari come valore intermedio, in diminuzione di circa il 5,7% rispetto allo stesso trimestre del 2018. Per il 2019 prevediamo di investire tra 1,2 e 1,3 miliardi di dollari in conto capitale”.

Analisti: bene Stm nel 2018, guidance delude

Gli analisti dopo la pubblicazione dei conti concordano sul fatto che a spingere il titolo ora potrebbe essere un rimbalzo, in scia allo stesso comparto dei semiconduttori. Fra i broker che si sono espressi oggi sul titolo, Liberum conferma la raccomandazione buy e un target price di 23 euro parlando di “opportunità di acquisto”. Ciò sebbene i conti del quarto trimestre sia uscita “sostanzialmente in linea con le attese”, mentre la guidance è risultata “ben sotto le nostre previsioni” sui ricavi attesi. Allo stesso tempo, la debolezza del fatturato è già ampiamente incorporata nei prezzi del settore.

Secondo gli analisti di Equita la stima di ricavi per 2,1 miliardi di dollari appare deludente in quanto è “del 6% inferiore alle stime di Equita e del 9% sotto il consenso”. Quanto al gross margin, “risulta poco sopra la nostra stima (guidance 39% contro nostra attesa a 38,7% e consenso a 39,3%)”. Il rating resta buy con un prezzo obiettivo di 19 euro.

In Borsa alle ore 9,06 Stm +1,48% a 12,68 euro con Il Ftse Mib a +0,06%.

Borsa italiana oggi Milano news 21-08-2019 — 01:29

Borsa italiana: la crisi di governo non ferma il rimbalzo. In luce Pirelli, Fca

Bene anche le banche mentre migliora lo spread. Positivi i petroliferi

continua la lettura