Dom 19 Settembre 2021 — 07:27

Stellantis frena in Borsa dopo inchiesta emissioni Francia, ma per analisti rischi limitati



Il titolo, sotto 17 euro, sconta anche prese di beneficio dopo il rally delle ultime settimane

stellantis

Azioni Stellantis in rosso a Piazza Affari dopo l’inchiesta sulle emissioni in Francia che coinvolge anche l’ex Peugeot. Il titolo si riporta sotto quota 17 euro.

Gli analisti pur evidenziando che si tratta di un evento “ovviamente” negativo, stimano tuttavia che l’impatto del nuovo caso emissioni dovrebbe essere limitato.

Stellantis a mercati americani chiusi ha emesso un comunicato in cui spiega che Automobiles Peugeot “è stata messa ‘en examen’ dal Tribunale Giudiziario di Parigi per accuse di frode ai consumatori in merito alla vendita in Francia di veicoli diesel Euro 5 tra il 2009 e il 2015”.

Peugeot, prosegue la nota, “come spesso avviene nelle inchieste penali francesi”, dovrà pagare una cauzione di 10 milioni di euro nel procedimento sulle emissioni e fornire una garanzia bancaria di 30 milioni di euro dedicata al potenziale risarcimento danni.

Anche Citroen e Fca Italy sono state citate a comparire davanti al Tribunale, “rispettivamente il 10 giugno (oggi) e nel mese di luglio”. Inoltre l’inchiesta coinvolge Renault e Volkswagen.

Il gruppo “coopererà pienamente con la giustizia per risolvere rapidamente la questione”

Secondo gli analisti di Equita Sim “la notizia è ovviamente negativa, ma le dimensioni del rischio allo stato attuale appaiono modeste”. Equita ribadisce la raccomandazione buy con un target price di 20 euro.

Anche Banca Akros conferma il buy e un prezzo obiettivo di 18,4 euro, stimando che per Stellantis l’inchiesta sulle emissioni in Francia avrà ripercussioni limitate.

Il titolo, sotto 17 euro, sconta anche prese di beneficio dopo il rally delle ultime settimane. Già ieri aveva lasciato sul terreno oltre 1 punto percentuale.

Oggi in Borsa alle ore 11,13 le azioni Stellantis segnano -2,52% a 16,798 euro.

unicredit ermotti 17-09-2021 — 10:25

Unicredit e Mps, si apre il capitolo esuberi

La banca milanese invoca le garanzie che furono accordate a Intesa Sanpaolo per le banche venete

continua la lettura