Ven 07 Maggio 2021 — 09:43

Seco al lavoro su Ipo, sbarcherà sullo Star di Borsa Italiana



La società di Arezzo specializzata nelle soluzioni hardware-software e partecipata dal Fondo Italiano Tecnologia e Crescita punta alla quotazione entro il primo semestre

ipo seco

Seco al lavoro sull’Ipo in Borsa: la società di Arezzo specializzata nelle soluzioni hardware-software e partecipata dal Fondo Italiano Tecnologia e Crescita ha approvato il progetto di quotazione. Obiettivo, il segmento Star.

Si profila quindi un debutto tecnologico a Piazza Affari, dopo l’Ipo della biotech Philogen che ha registrato il tutto esaurito fra gli investitori istituzionali.

I soci di Seco hanno approvato anche il bilancio chiuso con ricavi per 76,1 milioni (+16,4%) ed ebitda di 15,9 milioni (+35,3%). L’assemblea ha nominato il nuovo cda, confermando l’incarico al presidente Daniele Conti e all’amministratore delegato Massimo Mauri per il triennio 2021-23.

Avviata inoltre la strategia per la riduzione del carbon footprint: dal 2021 l’energia elettrica che alimenterà gli stabilimenti produttivi italiani sarà solo da fonti rinnovabili.

“Grazie agli ottimi risultati conseguiti nel 2020, nonostante la pandemia, e alle prospettive di crescita del 2021, confermate dall’andamento di queste prime settimane, Seco è pronta per lo sbarco a Piazza Affari” ha detto l’ad Massimo Mauri illustrando il progetto di quotazione in Borsa.

L’Ipo è prevista entro il primo semestre del 2021, advisor finanziario è Value Track di Marco Greco, che affiancherà i Joint Global Coordinator Goldman Sachs e Mediobanca, quest’ultima inoltre con l’incarico di Sponsor.

La supervisione legale è stata affidata agli Studi Gatti Pavesi Bianchi e White & Case, Kpmg è advisor per il sistema di controllo di gestione e per i dati extracontabili, mentre Community Group di Auro Palomba è l’advisor per la comunicazione. Deloitte ha l’incarico di seguire gli aspetti relativi alla revisione contabile.

banche analisti 07-05-2021 — 09:39

Mps, esuberi e maxi fusioni: sindacati scendono in campo

Fabi, First Cisl, Fisac-Cgil, Uilca e Unisin hanno scritto una lettera al ministro dell’Economia Daniele Franco

continua la lettura