Mer 22 Gennaio 2020 — 13:26

Salini Impregilo, al via la governance del Progetto Italia



Il cda ha nominato per cooptazione cinque nuovi consiglieri di amministrazione, designati da Cdp Equity: Donato Iacovone con funzioni di presidente, Francesca Balzani, Pierpaolo Di Stefano, Giuseppe Marazzita e Marina Natale. Istituito anche un Comitato strategico

progetto italia

Modifiche nella governance, come da ruolino di marcia per la nascita di Progetto Italia, sono state varate oggi dal cda di Salini Impregilo, nell’ottica del “miglior raggiungimento degli obiettivi inerenti” il nuovo polo delle costruzioni.

Progetto Italia, via alla governance

La mossa fa seguito alle recenti indicazioni della Cdp, mentre ai primi di novembre si era svolto tramite collocamento accelerato l’aumento di capitale da 600 milioni che ha disegnato la nuova mappa degli azionisti (che servirà fra l’altro a ricapitalizzare Astaldi).

Il cda di Salini Impregilo, preso atto delle dimissioni dei consiglieri Marina Brogi, Raffaella Leone, Geert Linnebank e Giacomo Marazzi, ha nominato per cooptazione cinque nuovi consiglieri di amministrazione della società, designati da Cassa depositi e prestiti Equity: Donato Iacovone con funzioni di presidente, Francesca Balzani, Pierpaolo Di Stefano, Giuseppe Marazzita e Marina Natale.

Comitato strategico

Inoltre è stato istituito un Comitato strategico, per tutta la durata del Progetto Italia, con funzioni di natura istruttoria, consultiva e di supervisione e valutazione delle attività connesse all’implementazione e attuazione del Progetto Italia, composto da Balzani, Di Stefano, Nicola Greco, Natale e Pietro Salini amministratore delegato. Il presidente sarà nominato alla prima riunione.

Variazioni sono state decise anche per il Comitato controllo, rischi e sostenibilità, per il Comitato per la remunerazione e nomine e per il Comitato per le operazioni con parti correlate.

In Borsa alle ore 14,56 le azioni Salini Impregilo avanzano dello 0,12% a 1,714 euro; Astaldi consolida con un -1,63% a 0,605 euro.

popolare sondrio caricento 22-01-2020 — 10:43

Popolare Sondrio, è guerra con il fondo Amber

Il fondo, che si è visto bocciare la richiesta di ammissione a socio, non potrà partecipare all’assemblea e denuncia la “violazione della democrazia azionaria”

continua la lettura