Mar 18 Giugno 2019 — 09:45

Popolare Bari, De Bustis al lavoro su una nuova versione del piano industriale



Spunta l’ipotesi di creare due nuove realtà: una Spa aperta all’ingresso di nuovi investitori e soci e una banca di comunità

Banca Popolare Bari

Vincenzo De Bustis, amministratore delegato della Banca Popolare di Bari, starebbe lavorando a una nuova versione del piano industriale dell’istituto di credito pugliese.

Il nuovo piano, secondo quanto scrive oggi il Sole 24 Ore, segue la decisione della Corte di Giustizia dell’Unione Europea di accogliere il ricorso dell’Italia e della banca popolare contro la Commissione Europea per l’intervento del Fondo Interbancario nel salvataggio di Banca Tercas.

Il piano prevede due direttrici. La prima riguarda la pulizia del bilancio con le trattative in corso con la Sga del Tesoro e doBank per la cessione di 2,6 miliardi circa di crediti deteriorati tra sofferenze e inadempienze probabili. La seconda fa riferimento, anche se indirettamente, all’ipotesi emersa qualche settimana fa sulla creazione di una super-holding per le popolari del Centro-Sud Italia.

In particolare il management guidato da De Bustis starebbe valutando l’ipotesi di procedere con una separazione delle attività dell’istituto barese con la creazione di una Spa per la clientela con maggiori patrimoni e di una banca di comunità, più legata al territorio, al retail e alle piccole imprese.

Gli attuali soci avrebbero azioni di entrambe le realtà, scrive il Sole 24 Ore sottolineando come l’aumento di capitale da tempo sul tavolo riguarderebbe solo la Spa e rappresenterebbe solo il primo passo per consentire l’ingresso di nuovi investitori e o altre popolari come la Banca Agricola Popolare di Ragusa.

fca renault 17-06-2019 — 10:11

Fca, riaperte le trattative per la fusione con Renault?

Indiscrezioni su colloqui dell’ad Manley a Parigi. Sul tavolo la quota del governo francese e i rapporti con Nissan

continua la lettura