Dom 20 Settembre 2020 — 11:59

Ops Intesa Sanpaolo, pattisti Ubi ribadiscono il no



L’offerta è ritenuta dal Car “inaccettabile, a maggior ragione alla luce dell’emergenza in atto, anche perché di valore inferiore a oltre il 60% del patrimonio di Ubi”

ubi banca offerta

L’Ops di Intesa Sanpaolo su Ubi Banca è tuttora “inaccettabile, a maggior ragione alla luce dell’emergenza in atto, anche perché di valore inferiore a oltre il 60% del patrimonio di Ubi”. Così i grandi soci del Car, il patto che riunisce circa il 205 del capitale di Ubi Banca, in una nota emessa in vista dell’assemblea del prossimo 8 aprile e in risposta a recenti affermazioni di Intesa Sanpaolo sulla validità dell’offerta in tempi di emergenza Covid-19.

Ops Intesa Sanpaolo, pattisti del Car confermano il no

L’ops di Intesa è “inaccettabile, a maggior ragione alla luce dell’emergenza in atto, anche perché di valore inferiore a oltre il 60% del patrimonio di Ubi, senza considerare quello intangibile e altri elementi immateriali quali le prospettive di destinazione delle risorse umane, i progetti in corso e la loro continuità, lo stretto rapporto con i territori di riferimento”, spiega la nota del Patto Car.

“L’offerta è priva, ancor di più oggi, di razionali economici per la generalità degli azionisti Ubi e comporta la compressione di loro legittimi diritti”. Pur “consapevole della valenza dei progetti di aggregazione bancaria tesi a formare realtà di maggiori dimensioni” il Car “ritiene che vadano privilegiati quelli in grado di creare valore per il sistema e aumentare la pluralità e la concorrenza sul mercato, anziché diminuirle”.

Ubi, assemblea il 9 aprile

Il Patto informa che “i suoi vari aderenti parteciperanno regolarmente” all’assemblea di Ubi in calendario mercoledì 9 aprile “per il tramite del rappresentante unico, esprimendo il sostegno al management e alla Banca nel suo complesso nonché invitando la Banca a continuare con determinazione la sua attività, apprezzandone i risultati e le iniziative di questo ultimo periodo”.

Per il Car Ubi “è solida, patrimonializzata, ben posizionata e radicata nelle zone più produttive del Paese, dinamica, con buoni progetti di sviluppo e dotata di un management e di risorse umane di qualità”.

In Borsa i rispettivi titoli risentono oggi anche di un report degli analisti Bofa sulle banche che ha confermato il buy su Isp e retrocesso Ubi a underperform. Alle ore 16,49 le azioni Intesa Sanpaolo segnano +8,41% a 1,441 euro, Ubi Banca +2,62% a 2,427 euro.

enel target price 18-09-2020 — 03:47

Enel, Barclays alza target price e conferma overweight

Il broker è positivo in vista del prossimo Capital Markets Day di novembre e stima che il gruppo guidato da Francesco Starace sarà in grado di confermare le guidance, innescando la reazione positiva del mercato

continua la lettura