Dom 19 Settembre 2021 — 06:23

Nexi giù in Borsa dopo il bond convertibile da 1 miliardo



Il mercato si adegua al prezzo delle azioni spuntato nell’operazione

fusione nexi sia

Azioni Nexi giù in Borsa dopo che la paytech ha collocato un bond senior unsecured convertibile per 1 miliardo con scadenza al 2028.

I proventi, spiega Nexi, saranno utilizzati per finanziare parte dell’indebitamento in essere al momento della fusione con Nets comunicata lo scorso 15 novembre o per il perseguimento delle normali attività.

Il prezzo di conversione iniziale sarà di 24,5525 euro incorporando un premio di
conversione del 52,50% al di sopra del Reference Share Price di 16,10 euro – così come determinato nell’accelerated bookbuilding.

Contestualmente al collocamento del bon convertibile, infatti, le banche impegnate nell’operazione (BofA, Jp Morgan, Credit Suisse, Hsbc e Imi-Intesa Sanpaolo) hanno effettuato un simultaneo collocamento accelerato di azioni ordinarie Nexi per conto dei sottoscrittori delle obbligazioni che intendano procedere con la vendita allo scoperto di tali azioni ordinarie con finalità di hedging.

Il prezzo dell’accelerated bookbuilding è stato appunto di 16,10 euro. Il titolo aveva chiuso ieri a 16,605 euro.

Nexi spiega che il bond convertibile “rappresenta il più grande collocamento equity-linked denominato in euro e con il più alto premio di conversione sul mercato italiano dal 2015 ed il più grande mai effettuato da parte di una digital payments company europea”.

“Questa emissione è la prima senza corresponsione di interessi per Nexi e permette di allungare la vita media del debito, di abbassarne il costo medio e rafforzare ulteriormente la posizione di liquidità, anche in vista delle prospettate operazioni di fusione con Nets e SIA per dar vita vita alla PayTech leader in Europa”.

In Borsa alle ore 9,14 Nexi -3,7% a 15,99 euro, con il titolo che si adegua peraltro al prezzo spuntato dalle azioni nell’operazione.

unicredit ermotti 17-09-2021 — 10:25

Unicredit e Mps, si apre il capitolo esuberi

La banca milanese invoca le garanzie che furono accordate a Intesa Sanpaolo per le banche venete

continua la lettura