Gio 26 Novembre 2020 — 16:53

Nexi e Sia, svolta nelle trattative per la fusione



Sia starebbe finalizzando un accordo per confermare Unicredit fra i suoi principali clienti, uno sviluppo utile nella determinazione della sua valutazione. Possibile un accordo preliminare nelle prossime settimane

nexi fusione

Le trattative tra Nexi e Sia per una fusione sarebbero giunte a una svolta. Starebbe infatti per essere superato un importante ostacolo alla combinazione fra i due gruppi dei pagamenti. Lo scrive Bloomberg citando fonti vicine al dossier.

Nexi-Sia, trattative a una svolta?

Uno dei nodi principali riguarda infatti la valutazione di Sia, resa complicata dal fatto che la società controllata da Cdp non è quotata.
Tuttavia, secondo quanto riporta Bloomberg, Sia sta finalizzando un accordo per confermare Unicredit fra i suoi principali clienti, uno sviluppo utile nella determinazione della sua valutazione.

Accordo preliminare

Se andrà in porto il contratto con Unicredit, secondo questa ricostruzione di stampa, le trattative dovrebbero accelerare per giungere alla firma di un accordo preliminare entro le prossime settimane.

Sia schiera gli advisor Jp Morgan e Rothschild mentre Nexi è assistita da Bofa Merrill Lynch, Hsbc e Mediobanca.

Analisti

Fra gli analisti, Equita ricorda che Unicredit è il principale cliente di Sia con un peso sul fatturato superiore al 20%. Nel 2016 Sia aveva acquisito per 500 mln di euro il processing di circa 13,5 milioni di carte di pagamento e la gestione di 206mila terminali Pos e 12mila Atm in Italia, Germania e Austria da Unicredit (la società acquisita, P4Cards, aveva riportato nel 2017 ricavi per 135 mln e un margine operativo di 39 mln di euro) firmando un contratto di outsourcing della durata di 10 anni le cui condizioni, secondo indiscrezioni, potevano essere riviste dopo 5 anni quindi nel 2021.

L’eventuale firma di un nuovo contratto con una estensione temporale eliminerebbe uno degli ostacoli alla fusione con Nexi, conferma pertanto il broker.

In Borsa alle ore 9,24 le azioni Nexi segnano +5,02% a 16,105 euro.

Creval petrus 26-11-2020 — 03:14

Creval, il socio Petrus boccia l’opa del Crédit Agricole e chiede 14 euro

Per il fondo azionista del Credito Valtellinese, che scrive una lettera ai vertici, l’offerta dei francesi “ignora il fair value” della banca

continua la lettura