Dom 19 Settembre 2021 — 06:15

Nexi debole in Borsa, antitrust avvia istruttoria su fusione con Sia



Secondo il regolatore la nuova entità potrebbe assumere una posizione dominante nel settore dei pagamenti digitali

Nexi fusione

Azioni Nexi deboli stamattina in Borsa dopo che l’antitrust ha avviato un’istruttoria per valutare la fusione con Sia. Secondo il regolatore la nuova entità potrebbe assumere una posizione dominante nel settore dei pagamenti digitali. Gli analisti tuttavia sono moderatamente ottimisti.

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato osserva che l’operazione di concentrazione coinvolge differenti operatori, sia dal punto di vista della domanda sia da quello dell’offerta, e interessa numerosi ambiti del settore dei pagamenti digitali.

La fusione tra Nexi e Sia, afferma l’antitrust, interessa, nell’ambito del settore dei pagamenti digitali, in particolare i servizi di merchant acquiring, di processing, di emissione delle carte di pagamento, di compensazione al dettaglio dei pagamenti, di trasmissione dei dati interbancari e anche i servizi per la fornitura e la manutenzione degli ATM (i bancomat).

La fusione di Sia in Nexi, prosegue l’antitrust, “potrebbe perciò determinare la costituzione o il rafforzamento di una posizione dominante da parte della nuova entità con effetti di tipo orizzontale, nonché di natura verticale e conglomerale”.

“Quanto alla presenza di sovrapposizioni di natura verticale, e di effetti di natura conglomerale, l’offerta dei servizi ATM – si legge nel documento – potrebbe presentare dei profili di integrazione in particolare con l’offerta dei servizi di processing, risultando i due servizi collegati e spesso abbinati sia a livello di offerta sia in termini di domanda da parte degli esercenti”.

Vista la natura dei mercati in esame, caratterizzati da significativi elementi di integrazione verticale e conglomerale, si ritiene che l’operazione potrebbe determinare effetti restrittivi della concorrenza nel mercato nazionale nella fornitura di ATM (inclusi software e servizi correlati), che dovranno tuttavia essere approfonditi alla luce della corretta definizione del mercato rilevante, in particolare nella sua dimensione geografica, tenendo anche conto della prassi comunitaria e delle argomentazioni fornite dalle parti”.

Il procedimento deve concludersi entro quarantacinque giorni decorrenti dalla delibera del provvedimento.

“Riteniamo che la probabilitá di approvazione sia elevata ma non escludiamo del tutto eventuali remedies”, commentano gli analisti di Equita.

Secondo Jefferies l’istruttoria rappresenta una parte normale del percorso del deal ed era prevedibile.

In Borsa alle ore 10,16 le azioni Nexi segnano -0,56% a 17.685 euro, con il Ftse Mib invariato.

unicredit ermotti 17-09-2021 — 10:25

Unicredit e Mps, si apre il capitolo esuberi

La banca milanese invoca le garanzie che furono accordate a Intesa Sanpaolo per le banche venete

continua la lettura