Lun 08 Agosto 2022 — 03:26

Nexi compra i Pos di Intesa Sanpaolo in Croazia per 180 milioni



Il ramo d’azienda è leader nel mercato croato con circa 13 mila esercenti che, nei 12 mesi da marzo 2021 a marzo 2022, hanno generato un volume di transazioni complessivo di circa 5 miliardi

fusione nexi sia

Nexi ha rilevato le attività merchant acquiring di Intesa Sanpaolo in Croazia per 180 milioni, rafforzando ulteriormente i legami fra i due gruppi.

Più in dettaglio, Nexi attraverso Nets Cee ha raggiunto un accordo con Privredna banka Zagreb, società di diritto croato indirettamente controllata da Intesa Sanpaolo tramite Pbz Bank, per l’acquisizione delle attività di merchant acquiring di Pbz Card nel mercato croato.

Il ramo d’azienda nei pagamenti coi pos (point of sale), cioè coi dispositivi che accettano pagamenti con carte, di Pbz Card è leader nel mercato croato con circa 13 mila esercenti che, nei 12 mesi da marzo 2021 a marzo 2022, hanno generato un volume di transazioni complessivo di circa 5 miliardi di euro.

Il corrispettivo pagato è pari a 180 milioni. L’accordo prevede anche una partnership commerciale di lunga durata tra Nets Cee, Pbz Card e Pbz Bank nell’ambito dell’attività di marketing e distribuzione di prodotti Nexi in Croazia.

L’operazione, il cui closing è previsto entro fine anno, è sostanzialmente in linea con la più ampia partnership industriale pluriennale tra il Gruppo Nexi e Intesa nel business italiano del merchant acquiring, siglata nel giugno 2020.

Nexi “rafforza la sua relazione con ISP, partner storico, e consolida il suo posizionamento di PayTech leader in Europa nel mondo dei servizi per gli esercenti attraverso un incremento della scala operativa delle attività di merchant acquiring”, spiega una nota.

In Borsa alle ore 11,26 le azioni Nexi segnano +3,15% a 7,914 euro; Intesa Sp +2,61% a 1,8398 euro, con il Ftse Mib a +1,68%.

moratorie covid 06-08-2022 — 11:35

Semestrali banche italiane, trainate dal margine d’interesse

L’analisi condotta per First Cisl dal Comitato scientifico della Fondazione Fiba sui conti di Intesa Sanpaolo, Unicredit, Mps, Banco Bpm e Bper

continua la lettura