Mar 17 Settembre 2019 — 22:09

Nexi, il prospetto: Banco Bpm, Pop. Sondrio e Creval limano le quote nell’Ipo, Ubi non vende



E’ quanto si legge nel prospetto approvato nelle scorse ore dalla Consob. Al via l’offerta di azioni

nexi borsa

Banco Bpm, Banca Popolare di Sondrio, Creval Banca di Cividale e Iccrea saranno azionisti venditori nell’ambito dell’Ipo di Nexi. Ubi banca invece resta. E’ quanto si legge nel prospetto approvato nelle scorse ore dalla Consob.

Come previsto alcuni istituti hanno deciso di realizzare plusvalenze, in relazione ai rispettivi prezzi di carico, ma la nuova mappa dell’azionariato post-quotazione non vedrà uscire del tutto Banco Bpm, che dovrebbe scendere allo 0,4% dall’attuale 1,63% mantenendo così un piede nella società dei pagamenti.

Più in dettaglio la banca di Piazza Meda venderà 6.280.763 azioni Nexi al prezzo compreso nella forchetta dell’Ipo tra 8,50 e 10,35 euro e rimarrà con 2.691.756 azioni.

Banca Popolare di Sondrio e Creval, che cederanno ciascuna circa 5 milioni di azioni, passeranno dall’1,3% allo 0,3%, mentre usciranno del tutto Cividale e Iccrea. Ubi Banca e Banca Sella non venderanno azioni e sono viste al termine dell’offerta rispettivamente allo 0,5% e allo 0,1% di Nexi.

L’offerta di azioni Nexi per la quotazione in Borsa parte oggi e si chiuderà il prossimo 11 aprile. Si tratta di un’offerta riservata a investitori qualificati in Italia e istituzionali all’estero strutturata in un aumento di capitale fino a 700 milioni di euro a cui si aggiunge una parte più consistente di azioni esistenti, per un totale compreso tra 1,9 e 2,2 miliardi.

In Borsa poco dopo le ore 12 Banco Bpm +0,45%, Ubi +0,9%, Bp Sondrio +1,15%, Creval -0,4%.

Carige assemblea Malacalza 17-09-2019 — 10:24

Carige: in campo Malacalza, raggiunto quorum assemblea

Ora il voto appeso alla scelta del principale azionista: basterebbe la sua astensione a far saltare il piano

continua la lettura