Mer 27 Ottobre 2021 — 18:25

Nexi, analisti apprezzano operazione in Grecia



I broker confermano le raccomandazioni positive e lasciano per il momento inalterati i target price, sottolineando l’importanza dei progetti di espansione nel Mediterraneo

fusione nexi sia

Azioni Nexi sotto la lente degli analisti dopo la firma di un memorandum of understanding che segna l’avvio di una partnership strategica con Alpha Bank in Grecia. I broker confermano le raccomandazioni positive su Nexi e lasciano per il momento inalterati i target price, sottolineando l’importanza dei progetti di espansione nel Mediterraneo.

Il memorandum d’intesa prevede lo spin-off del ramo merchant acquiring di Alpha Bank in una newco di cui Nexi acquisterà il 51% del capitale per 157 milioni di euro, che riflette un enterprise value di 307 milioni, a cui si possono aggiungere fino a 30,6 milioni nel caso vengano raggiunti certi obiettivi finanziari.

Sottoscritto inoltre un accordo di distribuzione di lungo termine, che permetterà alla newco di accedere alla rete di Alpha Bank per la promozione e distribuzione dei servizi di accettazione dei pagamenti a clienti di Alpha Bank in Grecia.

Gli analisti di Jefferies confermano ul rating buy su Nexi con un prezzo obiettivo di 26 euro. L’operazione, commentano gli esperti, pone Nexi come leader in Grecia e dimostra che la societá “puo esportare il suo consolidamento della catena del valore fuori dall’Italia”.

Banca Akros conferma la raccomandazione accumulate con un target price di 19 euro. L’operazione “completa la presenza di Nexi-Nets-Sia nello spazio economico europeo, dove questi gruppi hanno giá un’ampia presenza”, spiega il broker, secondo cui “i multipli sono piú alti di quelli pagati in Italia ma offrono maggiori potenzialitá di crescita”.

In Borsa il titolo consolida: alle ore 14,01 le azioni Nexi segnano -0,37% a 17.635 euro.

mediobanca trimestrale 27-10-2021 — 02:22

Mediobanca: trimestrale batte attese, no comment di Nagel su battaglia Generali

Commissioni record. Anche l’outlook è positivo, confermata la politica dei dividendi

continua la lettura