Sab 04 Aprile 2020 — 22:36

Mustier a Hsbc? Unicredit pesante in Borsa



Mustier secondo Bloomberg sarebbe fra i principali candidati a guidare il colosso britannico all’inizio di un maxi piano di ristrutturazione

Unicredit Mustier hsbc

(Articolo aggiornato dopo la chiusura di Borsa) – Mustier a Hsbc? I rumors citati da Bloomberg, secondo cui il ceo di Unicredit sarebbe nella rosa dei papabili per la guida della banca britannica, sono tutti da confermare. Il titolo però soffre in Borsa, avvitandosi nel finale di seduta quando l’agenzia Usa rincara la dose aggiungendo che una decisione potrebbe essere questione di ore.

Mustier-Hsbc, rumors pesano su azioni Unicredit

Il mercato inoltre prende spunto dai rumors per prendere profitto sulle azioni Unicredit, che cedono terreno per il secondo giorno di fila ma anche a questi livelli guadagnano da inizio febbraio circa il 10%.

Certamente, se le voci fossero confermate, Unicredit rischierebbe di perdere con Mustier il manager che ha impresso una svolta alle strategie della banca, riassunte nel nuovo piano Team 23 lanciato da poche settimane e apprezzate recentemente dal mercato anche in occasione della presentazione dei risultati 2019.

Mustier in discussioni su contratto Hsbc

In particolare, secondo Bloomberg, Mustier sarebbe fra i principali candidati a guidare la britannica Hsbc, che proprio questa settimana ha annunciato un piano biennale di ristrutturazione che prevede fra l’altro 35.000 esuberi.

Mustier, messosi in luce con il turnaround di Unicredit, avrebbe discusso del contratto e sarebbe comunque in corsa con altri potenziali candidati, fra cui lo stesso ceo ad interim di Hsbc, Noel Quinn.

Alla chiusura di Borsa le azioni Unicredit segnano -3,89% a 13,184 euro.

Borsa milano 03-04-2020 — 11:31

Borsa Milano giù, crollo per Intesa Sanpaolo e Ferrari

Riprendono gli acquisti sul petrolio con una riunione in programma lunedì tra Opec e Russia, che potrebbero trovare un accordo su un taglio della produzione dopo la guerra dei prezzi delle ultime settimane. Sul fronte macro, negli Usa sono andati persi a marzo ben 701.000 posti di lavoro

continua la lettura