Mer 29 Gennaio 2020 — 14:01

Mps, torna sull’obbligazionario con un bond Tier 2 da 400 milioni



Ordini per oltre 925 milioni. Il titolo pagherà una cedola dell’8%

mps bond

(Articolo aggiornato alle ore 15,40) – Banca Mps torna sul mercato obbligazionario collocando un bond subordinato Tier 2 con un bond subordinato che ha raccolto ordini per oltre 925 milioni e pagherà una cedola dell’8%.

Mps, bond Tier 2 da 400 milioni

La Banca Monte dei Paschi di Siena, al centro recentemente di un maxi rimbalzo in Borsa dettato da diversi fattori fra cui il miglioramento delle prospettive da parte di Moody’s, ha collocato un’emissione Tier 2 da 400 milioni di euro, di durata 10 anni e callable a partire dal quinto anno.

Il titolo, secondo quanto riferisce il servizio Ifr di Refinitiv, ha infatti scadenza gennaio 2030 ed è richiamabile dal 22 gennaio 2025.

Focus sul rendimento

Sul fronte del rendimemnto, il bond subordinato pagherà una cedola di oltre l’8%. Nel luglio scorso Mps collocò un Tier 2 da 300 milioni a un tasso del 10,5%.

Tali emissioni avvengono nell’ambito del piano di ristrutturazione concordato con la Ue, che prevedeva l’emissione di subordinati Tier 2 per 1,45 miliardi entro fine 2018, scadenza poi prorogata per permettere a Siena di finanziarsi a condizioni accettabili. Il traguardo con l’emissione odierna è stato raggiunto.

Mps ha affidato l’operazione a un pool di istituti composto da Banca Imi, Barclays, BofA, Goldman Sachs International, Mps Capital Services e NatWest Markets in qualità di Joint Bookrunners.

In Borsa alle ore 15,38 le azioni Banca Mps cedono lo 0,76% a 1,697 euro, in linea con l’intonazione negativa del mercato e dello stesso comparto bancario.

Unicredit trimestre 29-01-2020 — 12:23

Unicredit: trimestre atteso in rosso, focus su dividendo

Il dividendo viene stimato a 0,63 euro, pù che raddoppiato (+133%) dalla cedola di 0,27 euro distribuita a valere sul 2018. Da segnalare che su un panel di 18 broker che forniscono una raccomandazione sulla banca guidata da Jean Pierre Mustier, il 100% dice buy

continua la lettura