Dom 24 Marzo 2019 — 02:48

Mps si assicura contro i danni dei suoi manager, polizza da 3,3 milioni



L’assicurazione Directors & Officer Liability sarà proposta dal cda all’assemblea dell’11 aprile. L’istituto sottolinea che l’hanno stipulata anche Intesa Sanpaolo, Unicredit e Ubi

Mps news

Mps si assicura contro i danni dei suoi manager. Una polizza da stipulare con un costo “fino a 3,3 milioni” sarà infatti proposta dal cda della banca agli azionisti riuniti in assemblea il prossimo 11 aprile per approvare un variegato ordine del giorno.

Si tratta, secondo quanto ha fatto sapere il Monte dei Paschi di Siena, di stipulare un’assicurazione cosiddetta “Directors & Officer Liability (D&O)”, per un premio annuo massimo complessivo non superiore a 3,3 milioni di euro, che copra la banca, responsabile in solido nel caso in cui i suoi manager vengano condannati per risarcimento danni.

In particolare l’assicurazione copre “le richieste di risarcimento avanzate durante il periodo di validità della polizza e riferite ad atti illeciti posti in essere nel periodo assicurativo o nel periodo di retroattività”, se viene concordato nella polizza.

L’obiettivo, viene spiegato nella relazione, è “tutelare maggiormente la Banca (che nell’attuale regime si fa pieno carico di tutte le passività conseguenti) ed i suoi azionisti, nonché i propri amministratori e sindaci”, anch’essi coperti, visto che l’assicurazione è a “tutela e garanzia delle pretese risarcitorie dei soggetti danneggiati dalla condotta di esponenti aziendali”.

Mps ricorda poi che anche i suoi principali competitors, come Intesa Sanpaolo, Unicredit e Ubi hanno sottoscritto una specifica copertura assicurativa D&O per “tenere indenne la Banca” e che “tale prassi è, peraltro, stata adottata anche da altre società controllate dal Ministero dell’Economia e delle Finanze quali Eni, Enel, Saipem, Leonardo e Poste”.

carige news 22-03-2019 — 09:52

Carige: countdown per le offerte. Closing su Creditis, rilancio per Cesare Ponti

Entro il 28 marzo si chiude per la cessione della società di credito al consumo mentre per la metà di aprile sono attese le offerte per l’aggregazione. Intanto primi passi concreti per il rilancio della società di gestione del risparmio con una nuova filiale a Genova

continua la lettura